Ex Ilva, Uil Puglia e Uilm Taranto chiedono intervento Regione

 

Chiedono "oltre ai percorsi formativi, ulteriori misure aggiuntive a supporto del reddito dei lavoratori ex Ilva in AS"
pubblicato il 21 Marzo 2019, 19:07
2 secs

Ci auguriamo che la Regione Puglia, così come avvenuto in Liguria, si adoperi per mettere in campo, oltre ai percorsi formativi, ulteriori misure aggiuntive a supporto del reddito dei lavoratori ex Ilva in amministrazione straordinaria, sulla scorta di quanto realizzato con l’accordo di programma siglato a Genova“. Lo dichiarano il segretario generale della Uil di Puglia, Franco Busto e il segretario generale della Uilm di Taranto, Antonio Tal, riferendosi agli oltre 1700 lavoratori rimasti in capo all’Ilva in As in cassa integrazione straordinaria a zero ore. “Le disponibilità finanziarie regionali ci sono – continuano i due segretari della Uil – ora è il momento di dimostrare la volontà politica di contribuire a garantire un futuro diverso, migliore e sostenibile per tanti lavoratori ex Ilva in amministrazione straordinaria“.

Condividi:
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)