Question Time, si parla di appalti, affitti e…

 

Numerose le questioni affrontate, dalle fognature per Solito Corvisea («Al via in estate») alla viabilità in via della Croce, alla composizione dell’Ufficio Stampa del Comune.
pubblicato il 20 Marzo 2019, 19:24
8 mins

Dopo la conclusione della seduta ordinaria del Consiglio Comunale (leggi qui e qui), come da calendario, si è tenuto il Question Time. Decisamente varie le problematiche affrontate. Proponiamo di seguito una brevissima sintesi del dibattito.

Le mozioni presentate in Consiglio

Le sedute di Question Time prevedono, oltre alle interrogazioni dei consiglieri ad assessori e dirigenti comunali, anche la possibilità che il Consiglio voti delle mozioni, ossia atti di indirizzo politico-amministrativo che vincolano il sindaco e riguardano l’Amministrazione Comunale (art. 32 del Regolamento sul funzionamento del Consiglio Comunale e degli altri organi consiliari). La consigliera De Gennaro ha interpellato il sindaco sullo stato di attuazione delle ultime mozioni approvate, ritenendo insoddisfacente la risposta di quest’ultimo, che ha risposto solo relativamente alle mozioni presentate dalla consigliera stessa.

Entro l’estate al via i lavori sulla rete fognaria del rione Solito Corvisea

Firmata dai consiglieri Vietri, Battista, Fornaro e Baldassarri, invece, una interrogazione sullo stato di avanzamento dei lavori di completamento della rete fognaria a servizio del rione Solito Corvisea. L’assessore Motolese ha risposto affermando che la procedura è attualmente allo stadio dell’affidamento provvisorio. Terminate tutte le verifiche sul soggetto che si è aggiudicato l’appalto (cosa che dovrebbe avvenire entro l’inizio dell’estate) si potranno avviare i lavori.

Divieto di sosta in via della Croce

Il consigliere Battista, invece, ha portato all’attenzione dell’aula la vicenda di via della Croce. Luogo della città affetto da numerosi problemi (pulizia, tenuta del manto stradale, illuminazione), per questa via è previsto, come reso noto dal consigliere, il divieto di sosta perpetuo, a firma del comandante della Polizia Municipale, colonnello Matichecchia. Attualmente, tuttavia, questa disposizione non è stata attuata.

Centro Giovanile Universitario Jonico: presto via dalla “Bettolo”?

Sempre a firma del consigliere Battista l’interrogazione sull’immobile comunale, sito presso la scuola “Bettolo”, concesso nel remoto 1992 in comodato d’uso al Centro Giovanile Universitario Jonico. La concessione è stata prorogata, con valenza addirittura trentennale, nel 2002. Tuttavia, nonostante una disposizione datata 2007 dell’allora commissario prefettizio Tommaso Blonda imponesse di rivedere i canoni di locazione, da anni non risultano corrisposti affitti (per un ammontare complessivo che Battista ha stimato in circa € 600.000). Allo stato attuale risulta in essere un’ordinanza di sgombero, su cui pende un ricorso del Centro. L’assessore Motolese (confermato, in questo, dal Segretario Generale De Carlo) ha comunicato che si stanno compiendo valutazioni sul modo migliore per procedere in maniera “a prova di ricorso”. Pertanto, ha ritenuto non opportuno comunicare pubblicamente in aula i passi che si intende intraprendere, preferendo comunicarli in contesti più riservati.

Chi dirige l’ufficio stampa del sindaco?

È ancora il consigliere Battista a chiedere spiegazioni all’Amministrazione sulla composizione dell’Ufficio Stampa del Comune. A norma di legge, infatti, tutti i comuni si devono dotare di un ufficio stampa che curi i rapporti con le testate di informazione, anche se circa metà dei comuni italiani ne sono sprovvisti. Il consigliere del gruppo misto, poi, ha chiesto che siano resi noti gli indirizzi delle testate a cui vengono inoltrati i comunicati stampa dell’Amministrazione, e se vi siano in essere disposizioni del sindaco perché questi comunicati non arrivino ad alcune testate. Insomma, se esista una black list.

Il vicesindaco Tilgher non ha risposto in aula, annunciando una risposta scritta da parte del Gabinetto del Sindaco.

Osservatorio sulla mortalità: i dati online sul sito del Comune

È stata poi la volta di Vincenzo Fornaro (assieme a Battista e de Gennaro), che ha interrogato l’amministrazione sulla costituzione di un osservatorio sulla mortalità. In risposta a questa richiesta, l’assessore Castronovi ha reso noto che all’atto della richiesta sono stati pubblicati sul sito del Comune (clicca qui) i dati della mortalità, raggruppati per quartiere, che saranno aggiornati mensilmente a cura dell’ufficio statistica del Comune. I dati, ha poi chiarito Castronovi, non includono le informazioni sulla causa dei decessi, ma non si esclude che queste possano essere implementate in futuro.

Perché il Comune non ha sottoscritto gli accordi territoriali?

La parola è poi tornata alla consigliera de Gennaro, che ha chiesto spiegazioni all’Amministrazione sulla mancata sottoscrizione, da parte dell’Ente, degli accordi fra le associazioni di inquilini, che sono stati firmati, a quanto la consigliera ha affermato, nell’atrio di Palazzo di Città, senza la presenza dell’Amministrazione. Il tutto quando l’allora assessore al Patrimonio, Viggiano, si era dichiarata favorevole alla firma. La consigliera, poi, ha chiesto informazioni sullo stato di attuazione del regolamento esigenze abitative (approvato dal Consiglio ad ottobre). Anche in questo caso il vicesindaco Tilgher ha comunicato che l’assessore competente (Scarpati) risponderà per iscritto.

Un’esenzione per la Carta d’Identità Elettronica

Esaurite le interrogazioni alla Giunta, è arrivato il turno delle mozioni dei consiglieri. L’intera Commissione Consiliare Bilancio, rappresentata dal presidente Dante Capriulo, ha sottoposto all’aula una mozione che chiede alle direzioni competenti di istituire un’esenzione dal pagamento per il rilascio della Carta d’Identità Elettronica per i soggetti con ISEE al di sotto dei € 2.000. La mozione è stata approvata all’unanimità e, come già detto, diviene atto di indirizzo vincolante.

In via Acclavio potrebbero tornare gli uffici distaccati Borgo

Approvata all’unanimità anche un’altra mozione, presentata dalla consigliera de Gennaro, per la riapertura di una sede distaccata di uffici comunali per il Borgo, per agevolare i cittadini che ora devono recarsi nelle sedi di via Romagna e via Fiume. Come luogo idoneo è stato individuato un immobile di proprietà comunale, già sede, fino a non molto tempo fa, di una macelleria.

Sulle proroghe… discussione prorogata

Come è ormai consuetudine, anche questa volta il Consiglio non è riuscito ad esaurire i punti all’ordine del giorno per mancanza del numero legale. Questo è venuto meno su una mozione, presentata dal consigliere Nilo, che voleva “ricordare” alle direzioni competenti la necessità di attenersi alle norme anticorruzione in materia di proroghe degli appalti. Pur condividendone la sostanza, diversi consiglieri di maggioranza (su tutti il consigliere Capriulo) hanno giudicato l’atto inutile. Lo stesso Capriulo, poi, ha proposto di inserire nel testo della mozione una dichiarazione di biasimo nei confronti della decisione, assunta a livello nazionale dalla maggioranza di governo, di innalzare a € 150.000 la soglia massima per i servizi in affidamento diretto. Pur dichiarando di condividere la sostanza, il consigliere Nilo si è rifiutato di inserire questa postilla nella mozione, in quanto, a suo giudizio, questioni separate. Sulla votazione alla mozione, come detto, il Consiglio si è sciolto, ancora una volta. I punti inevasi saranno discussi nel prossimo Question Time.

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)