Disagio sociale e dispersione scolastica: bilancio positivo

 

Il bilancio dell'assessore al Welfare, Scarpati, ad un anno dal protocollo d'intesa siglato un anno fa con l'autorità giudiziaria minorile
pubblicato il 15 Marzo 2019, 18:59
55 secs

A distanza di un anno dalla sottoscrizione del protocollo, possiamo certamente affermare che la sua implementazione ha già dato risultati concreti: accanto a segnalazioni di dispersione scolastica, sopraggiungono anche segnalazioni di altre problematiche altrettanto importanti su cui interviene il servizio sociale. Sulla dispersione scolastica, i cui numeri sono preoccupanti soprattutto nei quartieri più disagiati, l’amministrazione Melucci ha predisposto una serie di progetti specifici, come il recente progetto sull’antimafia sociale, scuola di strada ed altre progettualita’ che saranno attivate nei prossimi mesi“. E’ questo il quanto affermato dall’assessore al Welfare del Comune di Taranto, Simona Scarpati, in merito al protocollo d’intesa siglato un anno fa con l’autorità giudiziaria minorile con l’obiettivo di combattere il disagio sociale ed il fenomeno della dispersione scolastica.

In seguito al protocollo – commenta l’assessore Scarpati – è stata redatta anche la guida operativa alle segnalazioni in ambito scolastico, nonché le indicazioni pratiche per l’integrazione degli interventi di prevenzione al disagio scolastico ed alla dispersione e ogni istituzione che ha sottoscritto il protocollo ha messo in campo risorse. Come ente civico abbiamo indicato quattro assistenti sociali del nostro servizio sociale a disposizione delle scuole“. “Questa rete di cooperazione interistituzionale – conclude Scarpati – è un ottimo esempio di interazione concreta tra vari uffici, coesi nel raggiungimento di un obiettivo di grandissima rilevanza sociale. Con l’autorità giudiziaria minorile vi è grande collaborazione e sinergia, e così anche con l’autorità scolastica“.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)