Guardia Costiera ‘ferma’ cargo panamense per irregolarità

 

pubblicato il 13 Marzo 2019, 17:22
54 secs

La Guardia Costiera di Taranto ha emanato quest’oggi un provvedimento di fermo a carico di una nave general cargo di 1596 tonnellate di stazza battente bandiera panamense, nell’ambito dell’attività svolta dal Corpo delle Capitanerie di Porto a tutela della vita umana in mare e dell’ambiente marino e costiero.

Il fermo è stato deciso in quanto la motonave «Denizhan Trio», a seguito di un’ispezione estesa durata 10 ore, non è risultata in regola con i requisiti previsti dalle convenzioni internazionali riguardanti la sicurezza della navigazione, per molteplici evidenti non conformità. A bordo della «Denizhan Trio», arrivata lunedì dalla Turchia per imbarcare un carico di cemento in sacchi, sono state riscontrate condizioni operative e di lavoro al di sotto degli standard fissati dalle principali convenzioni internazionali in campo marittimo. In particolare, sono state riscontrate gravi carenze riguardanti la scarsa preparazione dell’equipaggio e diverse irregolarità relative alle dotazioni di bordo previste, tra cui un difetto di funzionamento del dispositivo di ammaino del battello di emergenza che in caso di necessità avrebbe reso inutile il suo uso.

È, inoltre, emersa una grave deficienza a carico della Compagnia che ne gestisce la sicurezza, una società turca con sede ad Istanbul. La motonave, con un profilo ad alto rischio, era stata già fermata per due volte nel 2016 e una volta nel 2017 nell’area aderente al Paris Memorandum. Solo a seguito dell’eliminazione di tutte le deficienze riscontrate potrà tornare in mare. 

Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]it

Commenta

  • (non verrà pubblicata)