Tamburi, i bambini tornano a scuola

 

Orario alternato e pomeridiano: classi Deledda ospitate dalla Vico, mentre alcune classi della De Carolis ospitate dalla Gabelli e Giusti
pubblicato il 12 Marzo 2019, 21:00
4 mins

Avverrà domani il trasferimento del personale e degli alunni dei plessi “Deledda” e ”De Caroiis” presso i plessi “Gabelli” e “Giusti”. E’ questo quanto stabilito oggi dal Consiglio d’Istituto, che ha deciso di non spostare le attività didattiche dal rione Tamburi, come evidenziato dalla circolare n. 174 pubblicata sul sito dell’istituto comprensivo “Vico-De Carolis”.

La decisione di spostare personale e alunni è la conseguenza, come oramai tuti sanno, rispetto a quanto dìsposto con Ordinanza Sindacale n.9 del 2/3/2019 e alle successive comunicazioni del Comune di Taranto, che ha disposto la chiusura dei due plessi scolastici con un provvedimento di prevenzione sanitario, in seguito al sequestro da parte dei Carabinieri del NOE disposto dalla Procura di Taranto, delle tre collinette ecologiche di proprietà della ex Ilva, limitrofe alle due scuole, i cui terreni risultano inquinati. .

Con la delibera del Consiglio di istituto n.18 del 12/3/2019, è stato stabilito che l‘unità oraria relativa al solo turno pomeridiano sarà rìdotta a 50 minuti. I docenti seguiranno gli orari di servizio indicati dalla circolare; allo stesso modo gli alunni prenderanno visione del proprio orario di lezione. La Dirigenza Scolastica ha precisato che, per il periodo 13/3»22/3/19, l’orarìo dei docenti e delle classi appartenenti al plesso ”Vico” resterà invariato.

Inoltre, nella circolare viene disposto che “il cambio plesso Giusti-Gabelli e viceversa dovrà avvenire nel modo più celere possibile; i docenti sono tenuti a presentarsi almeno 5 minuti prima dell’inizio del loro orario di servizio. I collaboratori scolastici vigileranno con particolare attenzione per i cambi d’ora per i docenti che devono recarsi in o giungere da altro plesso“.

Infine, si legge ancora nella circolare, il DSGA “avrà cura di organizzare il servizio di pulizia dei locali nei tempi necessari, coordinandosi con la ditta Dussmann, coordinare il personale ATA (amministrativo e collaboratore scoiastico) per garantire vigilanza ed assistenza ìn tutti i plessi ìnteressatì dalla turnazione pomeridiana. Farà predisporre le nomine per i responsabili temporanei del plesso “Giusti” e le comunicazìoni per garantire la vigiìanza ail’entrata/uscita da parte della Polizia Locaie, e per i trasporti pubblici scolastici, nonchè per tutti i soggetti interessati (es. Cooperative e Associazioni per Diversamente abili ecc.). Farà affiggere nelle aule i cartelli relativi aile classi ed al numero di alunni per ogni turno/plesso“.

Chi già frequenta la “Vico” dunque, di mattina continuerà a frequentare le lezioni, mentre nelle ore pomeridiane la scuola riceverà le classi della “Deledda”. La “Gabelli”, nel solo orario pomeridiano, ospiterà invece alcune classi del plesso “De Carolis”, mentre la “Giusti” accoglierà, sia di mattina che di pomeriggio, altre classi della “De Carolis”. 

La decisone però, non trova l’apprezzamento di molti genitori, che già in questi giorni avevano evidenziato come i turni pomeridiani avrebbero impedito ai loro figli di continuare a seguire le varie attività del pomeriggio che li vedono impegnati durante tutto l’anno. Domani si capirà cosa deciderà il moevimento dei genitori, che già ieri si era mostrato notevolmente spaccato sulle decisioni da prendere per il proseguio dell’anno scolastico dei loro figli.

Condividi:
Share
Gianmario Leone, nato a Taranto il 2/1/1981, laureato in Filosofia, docente di Storia e Filosofia, per 8 anni opinionista del quotidiano "TarantoOggi" nel settore, ambiente, politica, economia, cultura e sport, collaboratore e referente per la Puglia dal 2012 de "Il Manifesto" e del sito "Siderweb", collaboratore dal 2011 al 2015 del sito di informazione ambientale www.inchiostroverde.it. Ha collaborato nel corso degli anni anche con altre testate on line o periodici cartacei come 'Nota Bene' e 'LiberaMente' ed è un'opinionista di "Radio Onda Rossa" e "Radio Onda d'urto". Collabora con Radio Popolare Salento. Dal 2008 al 2012 ha lavorato per l'agenzia di stampa "Italiamedia". Ha contribuito alla realizzazione del lungometraggio 'Buongiorno Taranto' e al docufilm 'The italian dust'. Nel dicembre 2011 ha ottenuto il “Riconoscimento S.o.s. Taranto Chiama”, "per il suo impegno giornaliero d’indagine e approfondimento sui temi ambientali che riguardano la città". Nel febbraio del 2014 invece ha ottenuto il premio dei lettori nel "Premio Michele Frascaro, dedicato al giornalismo d’inchiesta", indetto dalle Manifatture Knos e patrocinato dall’Ordine Nazionale e Regionale dei Giornalisti , attribuito in base al voto on line, per la sua inchiesta sul progetto “Tempa Rossa” (Eni), che racchiudeva gli articoli scritti tra il 2011 e il 2012.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)