Nel clima dei Riti: iniziano le Via Crucis delle confraternite del Carmine e dell’Addolorata

 

pubblicato il 09 Marzo 2019, 20:21
4 mins

Si comincia ad entrare nel vivo del clima dei Riti con le celebrazioni ed iniziative culturali delle confraternite del Carmine e dell’Addolorata
Arciconfraternita del Carmine
Domenica 10 marzo, prima di Quaresima, nella chiesa del Carmine, l’omonima arciconfraternita e la parrocchia terranno la prima Via Crucis. Alle 18.30 faranno il loro ingresso nella navata centrale della chiesa tre confratelli in abito di rito, uno dei quali portatore della Croce dei Misteri. Con loro, i responsabili della stessa arciconfraternita, guidati dal priore Antonello Papalia, e il padre spirituale monsignor Marco Gerardo che guiderà le meditazioni per ciascuna “stazione”. I canti saranno affidati al coro del Carmine, con all’organo la professoressa Anna D’Andria. La messa serale domenicale sarà per questo anticipata alle 17.30.
Domenica 7 aprile, quarta e ultima di Quaresima, la Via Crucis assumerà particolare solennità: sull’altare maggiore, ai piedi del Crocifisso, già esposto, ci sarà infatti la statua della Madonna Addolorata; al termine della funzione, l’adorazione della Croce da parte di coppie di confratelli in abito di rito. La troccola e la Croce dei Misteri apriranno il corteo penitenziale mentre la banda, collocata sulla cantoria dell’organo, eseguirà il repertorio delle marce funebri.
Il 29 marzo, alle 15, l’arciconfraternita del Carmine e la confraternita dell’Addolorata svolgeranno insieme la Via Crucis nella casa circondariale di Taranto per dar modo anche ai detenuti di partecipare a questo momento di spiritualità.
Sabato 6 aprile, alle 18, a Mottola i confratelli del Carmine di Taranto, Martina Franca e Mottola prenderanno parte alla Liturgia Stazionale, guidata dall’arcivescovo monsignor Filippo Santoro e dal vescovo di Castellaneta monsignor Claudio Maniago.
Infine, giovedì 11 aprile avrà luogo al Carmine, con inizio alle 20, il tradizionale concerto per la Settimana Santa.
Confraternita dell’Addolorata
Questo invece il programma della confraternita dell’Addolorata. Ogni domenica, partire da questa, 10 marzo, in San Domenico, alle ore 11 sarà celebrata la santa messa e alle 18.30 si terrà la Via Crucis, guidata dal padre spirituale don Emanuele Ferro.
Programmate anche le “Serate in oratorio”, con inizio alle 20.30, occasione per incontrarsi approfondendo temi cari allo spirito confraternale con il suo patrimonio di devozione; al termine, un momento di conviviale scambio in grande semplicità. Si comincia Il 12 marzo con “La Marcia Funebre: il ritmo della processione e la traccia dei sentimenti di un confratello”. Si continua il 26 con “Gli altari della reposizione”, in un viaggio nelle usanze squisitamente tarantine e approfondimento del senso liturgico dell’allestimento del repositorio, tradizionalmente chiamato “sepolcro”. Il 2 aprile si parlerà de “Il Pellegrinaggio notturno della Beata Vergine Addolorata”.
Venerdì 15 marzo, alle ore 15, la confraternita terrà la Via Crucis nell’ospedale SS. Annunziata mentre venerdì 29 marzo, alle ore 15, assieme all’arciconfraternita del Carmine, svolgerà la medesima funzione nella casa circondariale.
Lunedì 1 aprile, alle ore 19.00, in San Domenico, il liceo Archita terrà il consueto concerto di Quaresima.
Venerdì 5 aprile, alle ore 14.30, Via Crucis nella Cittadella della Carità.
Domenica 7 aprile, quinta domenica di Quaresima, alle ore18.30 ci sarà la solenne Via Crucis in via Duomo, con avvio dalla chiesa di Sant’Agostino e conclusione in San Domenico,
Lunedì di Passione, 8 aprile, alle 19.30 in San Domenico, “La Passione a Taranto – XLVII edizione”: concerto della fanfara dipartimentale del Comando Marittimo Sud Taranto.
Infine il Venerdì di Passione, 12 aprile, alle 18.30, sempre in San Domenico, funzione della commemorazione dei “Sette dolori della Beata Vergine Addolorata”.

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)