‘Come una regina’, quattro giorni per pensare

 

pubblicato il 05 Marzo 2019, 07:25
2 mins

Progetto Donne, è un progetto contro la violenza sulle donne. Nasce dall’idea di Stella Paci, responsabile del Centro Studi Uilt Toscana, con la collaborazione di Loretta Giovannetti, Presidente Uilt Emilia Romagna e consigliere Nazionale. L’intento è quello di  sensibilizzare le donne che subiscono violenza fisica, sessuale, psicologica, (da parte degli uomini: mariti, fidanzati, partner ed ex compagni di vita), a denunciare prima che ogni forma di vessazione, sfoci nella maniera più estrema: al femminicidio. Trovare il coraggio di denunciare da sole è quasi impossibile, ma nei centri antiviolenza si può trovare un aiuto reale, un sostegno anche legale, voci e facce amiche a cui affidarsi e di cui fidarsi. Vogliamo dire basta alla violenza sulle donne! Vogliamo farlo nella maniera che ci riesce più naturale: attraverso l’arte teatrale, programmando serate di reading in tutte le regioni italiane, con la partecipazione e l’aiuto degli Enti locali, delle Forze dell’Ordine e delle Associazioni.

Le donne del Consiglio Direttivo Uilt Puglia, hanno deciso di aderire al progetto, con una serata organizzata dalla responsabile del Centro Studi Marina Lupo, con il sostegno della Compagnia Teatrale Cesare Giulio Viola. L’evento, completamente gratuito, con ingresso libero a tutta la cittadinanza, ( fino ad esaurimento posti) ha il patrocinio del Comune di Taranto e rientra nel calendario: ‘Come una regina’, quattrp giorni dedicati alla donna, promosso dal Comune, che si svolgerà dal 7 al 9 marzo con diverse manifestazioni.

Intervengono alla serata per l’Associazione Alzaia Onlus: Sabina Sabatini psicologa – psicoterapeuta e Teresa Tatullo avvocata; Vanessa Rosato vice commissario, funzionario Squadra Mobile e i *Sigg. De Luca, genitori di Federica, la giovane mamma scomparsa insieme al piccolo Andrea. La serata sarà coordinata da Roberta Morleo giornalista.

Saranno le donne del Consiglio Direttivo: Angela Antonacci, Tiziana Di Napoli, Mariangela Lincesso, Marina Lupo, Antonella Rebecca Pinoli, Giuliana Satta, a dare voce ad altre donne, a chi ha parlato poco o è stata poco ascoltata in vita; donne assassinate, proprio in quanto donne, per mano di uomini, dei loro uomini che dicevano di amarle.
L’ accompagnamento musicale è a cura di Apulia Musica ed Eventi con Violetta Petrelli al pianoforte e Chiara Blandamura al violino.

Condividi:
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)