Forte odore di gas, indagini ARPA. Causa nave in Mar Grande?

 

La puzza proveniva da Mar Grande, esclusa la grande industria, l'Eni si tira fuori. Malori in città in zona Borgo e ospedale S.S. Annunziata
pubblicato il 09 Febbraio 2019, 18:38
2 mins

Un forte odore di gas si è avvertito questa mattina in modo intenso per circa mezz’ora, all’incirca tra le 11 e le 11.30, nel Borgo. Tantissime le segnalazione dei cittadini che hanno telefonato ai Vigili del fuoco, all’ARPA, alla Asl e alle forze dell’ordine. Sul posto i tecnici del centro regionale dell’Arpa (Agenzia regionale protezione ambiente) stanno lavorando per individuarne l’origine e la causa. In alcune aree della città l’odore acre ad esempio nei dintorni dell’ospedale era molto fastidioso. Dato che il vento oggi spirava da sud verso nord non si tratterebbe degli impianti della zona industriale che si trovano a nord del centro abitato. Una delle ipotesi è quella di una nave in rada davanti al porto che stava effettuando dei lavori di svuotamento dei serbatoi. 

In merito a quanto accaduto, Eni informa che “sono state immediatamente attivate tutte le misure straordinarie di monitoraggio ambientale, in aggiunta a quelle quotidianamente svolte a presidio di tali fenomeni. Tutti i controlli hanno evidenziato l’assenza di cause in tutta l’area industriale della Raffineria Eni e anche nelle aree adiacenti“. Tali evidenze, aggiunge l’azienda, “sono state inoltre confermate dai riscontri analitici delle centraline Eni di monitoraggio perimetrale della qualità dell’aria e sono coerenti con l’assenza di anomalie di esercizio all’interno della fabbrica e l’assenza di operatività al campo boe e al pontile“. “Tali controlli hanno altresì fatto emergere – conclude la nota – fenomeni localizzati in aree lontane dalla zona industriale, la cui origine non può pertanto essere ricondotta all’area industriale e alla Raffineria Eni“. 

Condividi:
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)