Mitilicoltura e concessioni, pronti i nuovi bandi

 

pubblicato il 06 Febbraio 2019, 18:24
2 mins

Con l’ulteriore atto formale di giunta odierno, volto ad acquisire al Piano delle Coste di Taranto una serie assai significativa di dati e rilevazioni scientifiche del Commissario Straordinario alle bonifiche, si provvede ad avviare il complesso riordino delle concessioni demaniali al comparto della mitilicoltura. Un’operazione organica forse mai tentata prima a Taranto, come recita una nota di Palazzo di città.

L’Amministrazione comunale, con il costante e valido supporto della Prefettura, dello stesso Commissario di Governo, dell’Asl, della Capitaneria di Porto e delle altre Forze dell’Ordine, ha inteso predisporre i nuovi bandi che già dalla settimana corrente daranno agli operatori l’opportunità di riprogrammare le proprie attività e contribuiranno progressivamente all’eliminazione del fenomeno dell’abusivismo, che tanto danno produce, tra gli altri, proprio al commercio ed all’immagine dei nostri prodotti.

In un recente incontro con l’assessore regionale Di Gioia, il sindaco Melucci ha anche potuto esplorare le risorse disponibili per il rilancio del settore, a cominciare dal segmento della trasformazione, e potuto concordare la dilazione della scadenza del prossimo bando Feamp Puglia.

Nelle parole del sindaco Melucci tutta la soddisfazione per il lavoro svolto nella direzione delle esigenze degli operatori virtuosi: “Ho visto negli occhi dei nostri mitilicoltori tutto l’orgoglio di rappresentare l’identità e l’eccellenza del nostro territorio, meritano il nostro sostegno ai loro sforzi quotidiani, presto faremo in modo che siano dotati di opportuni punti di accosto e vasche di trattamento, inoltre è arrivato il momento di creare un marchio di origine per i nostri mitili. Sento di esprimere oggi grande gratitudine a tutte le Istituzioni locali e regionali, ai nostri uffici tecnici e al vicesindaco Tilgher, che stanno consentendo questa svolta per la nostra economia.”

Condividi:
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)