Sentenza CEDU, Battista: “Silenzio assordante degli eletti a Taranto del M5S”

 

pubblicato il 26 Gennaio 2019, 11:37
2 mins

Sentenza CEDU, duro attacco del consigliere comunale Massimo Battista ai rappresentanti istituzionali ionici del Movimento 5 Stelle. Ecco cosa scrive Battista: “L’altro ieri è arrivata la sentenza del CEDU, la Corte Europea dei diritti dell’uomo, sul caso Ilva di Taranto. La sentenza riconosce che, i cittadini che avevano presentato ricorso, hanno ragione, lo Stato italiano con condotte a dir poco folli, mi riferisco ai dodici decreti che tengono nei fatti in vita lo stabilimento, ha messo a serio rischio la salute dei cittadini di Taranto. Sono diversi i Governi italiani coinvolti, e praticamente tutti i partiti che in questi anni hanno guidato il paese, dal PD a Forza Italia, fino all’attuale Governo a guida M5S/Lega che non hanno provveduto a fermare gli impianti inquinanti. Lo Stato italiano secondo il CEDU deve immediatamente fermare le fonti di rischio sanitario che pendono sulla testa dei tarantini. Mi sarei aspettato dagli eletti a Taranto per il Movimento 5 Stelle una pronta presa di posizione, ero con loro quando in campagna elettorale parlavano di chiusura davanti la fabbrica e per le vie della città. Invece il silenzio è assordante, dal consigliere comunale a quelli regionali, dagli onorevoli al senatore passando per l’europarlamentare tutti tacciono. Probabilmente attendono notizie da Roma, o più probabilmente aspettano che qualcuno dica loro cosa poter scrivere. Mi permetto di suggerire loro di ritrovare un po’ di amore per la propria terra e la gente che li ha sostenuti e di proporre al Governo, di cui fanno parte, l’abolizione immediata dei decreti che permettono all’Ilva di continuare ad inquinare. Sarebbe opportuno intervenire anche sull’immunità penale, che permette a Mittal di continuare a produrre, senza problemi di carattere legale, unico caso al mondo. Questo è ciò che mi aspetto, ma sono ben consapevole che difficilmente accadrà, naturalmente sarò felice di essere smentito in caso contrario”.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)