Sabato sera in Città vecchia, racconti attorno al braciere

 

pubblicato il 26 Gennaio 2019, 10:33
2 mins

Cùnde e cande attùrne a’ frascère jindr’a ‘nu juse”, come si trascorrevano le serate invernali nelle case dei nostri nonni. Tanto si rivivrà  questa sera, sabato, in Città vecchia, alle ore 18.30, nella sede de “A Putéje – arte e – è cultura” in via Duomo 131, nelle immediate vicinanze della cattedrale. L’iniziativa è dell’associazione “Tarantinìdion” che accoglierà i partecipanti attorno al braciere per rivivere insieme le atmosfere antiche del focolare domestico. Racconti e storie di una Taranto scomparsa riprenderanno vita in un suggestivo percorso multisensoriale mentre i presenti potranno gustare i sapori della tradizione (vino e mandarini), come facevano i nostri nonni.
Le “juse” (dal latino volgare “jusum” o “josum”) erano povere abitazioni, disadorne, prive di servizi igienici, umide, raramente pavimentate e con una sola fonte di luce, la porta d’ingresso, che durante il giorno restava così sempre aperta. “‘U juse” arrivava ad ospitare anche 15 persone ed essendo costituito da una sola stanza bisognava arrangiarsi e separare con un lenzuolo i poveri giacigli in paglia dallo spazio in cui si soggiornava e si mangiava. In queste abitazioni, ovviamente, era costretta a vivere la classe più povera di Taranto, costituita in prevalenza dai pescatori; tipico esempio di “juse” è la casa natale di Sant’Egidio, al pendio La Riccia.
‘A frascère” (il braciere) era il grosso piatto di metallo nel quale si accendeva il carbone e rappresentava l’elemento del focolare attorno al quale si godeva del calore e fisico e umano. Qui si riuniva la famiglia, si raccontavano le storie, pettegolezzi, ricette e dalla dolce voce della mamma o della nonna i più piccoli ascoltavano, rapìti, storie, favole e leggende (“le cunde”).Quando non c’era internet o la tv (e in alcuni casi nemmeno la radio), questo era il social: il braciere. E sabato sera “Tarantinìdion” permetterà di rivivere quell’atmosfera così magica e carica di suggestioni.
Essendo i posti limitati, per partecipare alla performance musico-teatrale sarà necessaria la prenotazione al 3479146213.

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)