Il recupero di Cosimo, l’ex clochard che vuol tornare al lavoro nell’edilizia

 

pubblicato il 13 Gennaio 2019, 10:57
2 mins

Continua il cammino di recupero di Cosimo, il barbone che da più di venti anni stazionava nei pressi della Concattedrale, chiedendo l’elemosina e ubriacandosi, riducendosi così in condizioni di notevole abbrutimento. Presto l’uomo potrebbe essere ospitato in una vicina rsa (residenza sanitaria assistenziale) per un trattamento rieducativo.
Come riferito, ai primi del nuovo anno, Cosimo, su insistenza di alcuni volontari, in primis Nino Leone presidente dell’AIPD di Taranto (l’associazione italiana persone down), aiutato poi dal consigliere regionale Gianni Liviano e Giacinto Fallone, ha accettato, dopo tante insistenze, di essere accompagnato al centro di accoglienza per i senza fissa dimora “San Cataldo vescovo”, in Città vecchia. Molto hanno pesato sulla sua decisione il freddo intenso di questi giorni e gli inevitabili acciacchi dell’età, aggravate dalle tante notti trascorse all’addiaccio. Dopo essere stato lavato e dotato di abiti puliti, constatate le non certo ottimali condizioni di salute, Cosimo è stato portato al pronto soccorso per rimetterlo in sesto dal suo stato di disidratazione. Tornato al centro di accoglienza, al clochard è stata assegnata una cameretta per dormire e il giorno dell’Epifania ha partecipato al pranzo con l‘arcivescovo nella mensa del “San Cataldo vescovo”. Ma da subito agli operatori del centro è apparso necessario che l’uomo si sottoponesse a un serio cammino di recupero, da effettuare in una residenza sanitaria assistenziale. A tal fine Cosimo recentemente è stato sottoposto a un accurato controllo psichiatrico e medico in una casa di cura e poi riaccompagnato al centro, dove ha ripreso la vita di ogni giorno, accolto dai volontari e dagli altri ospiti della struttura che hanno subito preso a volergli bene. Della sua situazione sono stati informati la Asl, i servizi sociali del Comune e la Regione che auspicabilmente in tempi brevi si occuperanno concretamente di Cosimo che ha anche mostrato il desiderio di ritornare al suo vecchio lavoro nell’edilizia.

Condividi:

Un Commento a: Il recupero di Cosimo, l’ex clochard che vuol tornare al lavoro nell’edilizia

  1. Amelia Lucchese

    Gennaio 13th, 2019

    È la notizia più bella che oggi abbia potuto leggere. Non conosco le persone che sono riuscite a convincere Cosimo a farsi aiutare. Sono felice per lui e spero di rivederlo cambiato e in buona salute.

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)