Ilva, ‘Ambiente Svenduto’: è l’ora degli imputati

 

Dopo le udienze in cui sono state audite le parti civili il dibattimento entra nel vivo. Per molti reati prescrizione certa
pubblicato il 12 Gennaio 2019, 20:37
6 mins

Si sono svolte il 7, l’8 e il 9 gennaio altre udienze del processo ‘Ambiente Svenduto’ sul presunto disastro ambientale provocato dall’Ilva sotto la gestione del gruppo Riva. In queste ultime tre udienze, nella nuova sede presso la sezione di Taranto della corte d’appello di Lecce (dove giudici, avvocati, e teste hanno sofferto il freddo di questi giorni visto il malfunzionamento del sistema di riscaldamento) a causa dell’indisponibilità dell’aula bunker, sono stati protagonisti le parti civili, molte delle quali indicate dallo Slai Cobas, oltre al presidente di Paecelink Alessandro Marescotti (che ha ripercorso la storia delle denunce dell’associazione partendo da quella del 2005 sulle emissioni della diossina sino a quella del 2008 con le analisi del formaggio contenente diossina prodotta dall’Ilva).

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2019/01/08/ilva-ambiente-svenduto-denunce-polemiche-e-litigi-nelle-udienze-delle-parti-civili/)

L’ultima udienza in cui saranno ascoltate le parti civili è prevista per martedì 15 gennaio, poi da mercoledì 16 inizierà il fulcro centrale del dibattimento, con l‘interrogatorio dei 23 imputati che hanno comunicato alla Corte d’Assise la disponibilità a sottoporsi alle domande dei pm. Come stabilito nell’udienza del 9 gennaio, per l’interrogatorio sarà seguito l’ordine dell’elenco degli imputati, con il primo ad essere esaminato che sarà l’ingegnere Luigi Capogrosso, direttore dello stabilimento siderurgico di Taranto fino al 4 luglio 2012 quando rassegnò le dimissioni dopo 15 anni nel ruolo di direttore. Il 26 luglio del 2012, giorno del sequestro degli impianti dell’area a caldo del siderurgico, Capogrosso fu arrestato e posto ai domiciari, insieme ad Emilio e Nicola Riva.

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2019/01/07/ilva-ambiente-svenduto-riprende-il-processo-critiche-dal-codacons/)

Insieme all’ing. Capogrosso hanno dichiarato la loro disponibilità ad essere ascoltati gli ingegneri che ricoprivano il ruolo di capi area all’epoca dei fatti contestati, ovvero Marco Andelmi (parchi) Ivan Di Maggio (cokerie), Angelo Cavallo (area agglomerato) e Salvatore D’Alò (acciaierie), uno dei legali amministrativisti della famiglia Riva, l’avvocato Francesco Perli. In considerazione dell’ordine che sarà seguito, si comincerà con gli imputati per i reati ambientali.

Hanno deciso di essere ascoltati anche l’ex rettore del Politecnico professor Lorenzo Liberti, l’ex direttore generale dell’ARPA Puglia professor Giorgio Assennato e l’ex direttore scientifico dell’Agenzia Blonda e l’ispettore ARPA Giovanna Raffaelli, ed alcuni tra i principali esponenti politici finiti sotto accusa, come l’ex governatore Nichi Vendola, l’ex assessore regionale Nicola Fratoianni, il dirigente del settore ambiente dell’epoca Antonello Antonicelli, l’ex presidente della Provincia Gianni Florido, l’ex assessore provinciale all’Ambiente Michele Conserva, l’ex ispettore della Digos Aldo De Michele.

E’ bene sottolineare ancora una volta che tranne per i reati più gravi, per quelli minori la prescrizione è oramai praticamente certa, visto che scatta dopo 7 anni e mezzo. Anche se si dovesse giungere ad un’eventuale sentenza di condanna infatti, ci sarebbe il ricorso in appello e i reati si estinguerebbero per prescrizione, salvo quelli gravi come disastro ambientale e avvelenamento di sostanze alimentari. 

Al termine dell’udienza del 9 gennaio, lo Slai cobas per il sindacato di classe ha voluto ringraziare le parti civiliAlessandro Marescotti, il Dr Cosimo Cassetta, la Dr.ssa Grazia Parisi, Cosimo Semeraro, Mottolese Pietro, che hanno testimoniato nell’udienza del 9 gennaio al processo Ilva, portando, con le loro dichiarazioni, analisi, dati, informazioni, esperienza diretta, un importante contributo alla verità e alla battaglia per ottenere giustizia. Vogliamo ringraziare anche altri testi che, purtroppo, non hanno potuto fornire la loro testimonianza a causa dell’andamento delle udienze, e che hanno dovuto comunque attendere il primo giorno dalla mattina alla sera, con pazienza e massima disponibilità: Francesco Maresca ex operaio Ilva delegato Fiom, Nicola Preziuso direttore Ufficio Pastorale Sociale della Diocesi di Taranto, Nicola Frangione di Magistratura democratica. Noi pensiamo che questi tre giorni (dal 7 al 9 gennaio) siano stati importanti. Finalmente in questo processo quasi dimenticato si sono viste e soprattutto sentite le realtà che devono essere le protagoniste effettive della battaglia contro Riva e i suoi complici affinchè chi inquina, chi ha provocato tanti morti sia dentro la fabbrica che in città, tanti malati, paghi! – afferma in una nota il sindacato di classe -. E’ entrata la voce di operai Ilva, di lavoratori del cimitero, di cittadini, familiari, ambientalisti, medici. Noi faremo conoscere al più presto a tutti queste importanti testimonianze, come le forti dichiarazioni, denunce vive fatte dalle parti civili di operai Ilva, lavoratori del cimitero, abitanti dei Tamburi. Ora dobbiamo continuare, con più forza, la battaglia“.

Nelle prossime settimane pubblicheremo una sintesi sulle udienze dei mesi di ottobre, novembre e dicembre. 

(leggi tutti gli articoli sul processo ‘Ambiente Svenduto’ https://www.corriereditaranto.it/?s=ambiente+svenduto&submit=Go)

Condividi:
Share
Gianmario Leone, nato a Taranto il 2/1/1981, laureato in Filosofia, docente di Storia e Filosofia, per 8 anni opinionista del quotidiano "TarantoOggi" nel settore, ambiente, politica, economia, cultura e sport, collaboratore e referente per la Puglia dal 2012 de "Il Manifesto" e del sito "Siderweb", collaboratore dal 2011 al 2015 del sito di informazione ambientale www.inchiostroverde.it. Ha collaborato nel corso degli anni anche con altre testate on line o periodici cartacei come 'Nota Bene' e 'LiberaMente' ed è un'opinionista di "Radio Onda Rossa" e "Radio Onda d'urto". Collabora con Radio Popolare Salento. Dal 2008 al 2012 ha lavorato per l'agenzia di stampa "Italiamedia". Ha contribuito alla realizzazione del lungometraggio 'Buongiorno Taranto' e al docufilm 'The italian dust'. Nel dicembre 2011 ha ottenuto il “Riconoscimento S.o.s. Taranto Chiama”, "per il suo impegno giornaliero d’indagine e approfondimento sui temi ambientali che riguardano la città". Nel febbraio del 2014 invece ha ottenuto il premio dei lettori nel "Premio Michele Frascaro, dedicato al giornalismo d’inchiesta", indetto dalle Manifatture Knos e patrocinato dall’Ordine Nazionale e Regionale dei Giornalisti , attribuito in base al voto on line, per la sua inchiesta sul progetto “Tempa Rossa” (Eni), che racchiudeva gli articoli scritti tra il 2011 e il 2012.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)