“Utilizzare risorse per area crisi di Taranto”

 

L'invito al governo dell'assessore della Regione Puglia allo Sviluppo Economico, Mino Borraccino
pubblicato il 08 Gennaio 2019, 18:02
2 mins

Utilizzare tutte le risorse disponibili per l’area di crisi di Taranto“. A dirlo l’assessore della Regione Puglia allo Sviluppo Economico, Mino Borraccino. “Come è noto – afferma in una nota – il programma di rilancio di Taranto e del suo territorio, promosso oltre che dalla Regione Puglia anche da Invitalia (agenzia del ministero dello Sviluppo economico), intende incentivare la riconversione e la riqualificazione industriale dell’area di crisi tarantina, sulla base delle opportunità previste dalla legge numero 181 del 1989“. “Il Progetto di riconversione e riqualificazione industriale – spiega – dell’area di crisi di Taranto, elaborato da Invitalia, mette a disposizione finanziamenti concreti ed è rivolto alle imprese costituite in società di capitali, comprese le società cooperative e le società consortili“. “La Regione Puglia – ricorda – si è fatta promotrice di richiesta di proroga, già fissata al 27 novembre 2018, per la presentazione delle domande da parte dei soggetti interessati, facendo proprie le istanze presentate in tal senso da Cna e da Confindustria Taranto“. 

Con circolare del 27 novembre 2018 – sottolinea l’assessore Borraccino – il Mise ha prorogato al prossimo 26 gennaio alle ore 12 i termini di presentazione delle domande di agevolazione per le iniziative imprenditoriali nei comuni interessati, cioè Crispiano, Massafra, Montemesola, Statte e Taranto. Nel corso dell’apposita iniziativa realizzata il 12 dicembre 2018 dalla Camera di commercio di Taranto, alla quale ho partecipato, sono state affrontate le opportunità previste dalla legge 181 per il rilancio delle aree di crisi industriale“. “La Regione – assicura – auspica il completo utilizzo delle risorse messe a disposizione da Invitalia, per un ammontare di 30 milioni di euro. Ma anche gli strumenti agevolativi regionali già in atto (Nidi, Tecnonidi, progetti integrati di agevolazione, titolo secondo e contratti di programma) sono a disposizione delle imprese“. “Tutto questo insieme di interventi – aggiunge Borraccino – va utilmente investito, per consentire al territorio di fronteggiare con successo le problematiche derivanti dalla crisi in atto“.

Condividi:
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)