Domenica mattina, in piazza Monteoliveto

 

pubblicato il 01 Gennaio 2019, 10:31
2 mins

Momenti di grande intensità si sono vissuti domenica mattina in piazza Monteoliveto, quasi un anticipo di quello che potrà diventare in futuro, si spera abbastanza prossimo, questo sito significativo della Città vecchia, una volta ultimato il restauro di tutti gli edifici che vi si affacciano. L’occasione è stata data dalla celebrazione eucaristica dell’arcivescovo al santuario della Madonna della Salute, in occasione della visita di un gruppo di amici baresi. Per l’occasione la chiesa, nonostante l’appuntamento non fosse stato pubblicizzato, è apparsa gremita in notevole anticipo sull’inizio della santa messa, con il servizio liturgico assicurato dalla confraternita dell’Immacolata in abito di rito. In apertura il rettore don Emanuele Ferro ha illustrato le fasi di restauro del santuario, soffermandosi sul significato dell’icona mariana. Al termine, e questo è stato il bello, la folla si è soffermata volentieri in piazzetta, discorrendo senza fretta e scambiandosi gli auguri, incoraggiata anche dalla particolarità e dalla bellezza del sito, che induce alla socializzazione. A questi momenti di convivialità si è unito volentieri l’arcivescovo, scambiando impressioni con la gente e ben concedendosi al selfie. Quindi monsignor Filippo Santoro ha visitato l’antistante chiesetta di Sant’Andrea degli Ameni, ascoltandone la storia da Giovanni Berardi, Cosima Fuggiano e Luigi Maggi e apprezzando i loro sforzi, assieme a quelli delle giovani famiglie della zona, per rivitalizzare con diverse iniziative la piazzetta. Successivamente l’arcivescovo, accompagnato da Pino Loconte, ha anche visitato la mostra di miniprocessioni e di artistici presepi allestita dall’associazione ”Pittaggio del Baglio”, nell’ex sagrestia della chiesetta, ora struttura ricettiva. Al termine monsignor Santoro ha espresso il suo plauso per la rinascita della piazzetta, grazie anche al riaperto santuario, auspicando altri passi avanti per la rivitalizzazione dell’intera Isola.

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)