Vigilia di Natale, risveglio con le bande

 

Concerti in mattinata, processione a mare e il 25 'U Bammine curcate
pubblicato il 23 Dicembre 2018, 22:00
4 mins

Inizierà con il consueto giro all’alba delle bande musicali cittadine la vigilia di Natale. Sarà anche occasione nelle case per friggere pettole in quantità, da far gustare a familiari e vicini di casa, prima della corsa al mercato per i preparativi del cenone della vigilia.

I concerti al Borgo

Alle ore 11 in piazza Immacolata lo shopping per i regali avrà come sottofondo un gustosissimo concerto gospel con l’Orchestra della Magna Grecia diretta dal maestro Antonio Palazzo e con Vincent Bohanan e il coro “Sound of Victory”, già applauditi l’altra sera all’Orfeo. L’iniziativa è dell’Amministrazione comunale nell’ambito del programma “Natale a Taranto”.
Alle ore 11.30 in via D’Aquino ci sarà la performance dal noto violinista Francesco Greco accompagnato da Antonio Cascarano alla chitarra, offerta dal “Neo bistrot” della medesima via d’Aquino; ad esibirsi sono stati invitati tutti i musicisti tarantini.
Da non dimenticare la visita alla stupenda mostra di presepi nella galleria comunale del Castello Aragonese, allestita dall’associazione “Amici del presepe“.

La processione notturna a mare


Nella notte del 24 ritorna la processione notturna a mare di Gesù Bambino, che uscirà alle ore 22 dalla chiesa di San Giuseppe, guidata dal parroco don Emanuele Ferro e accompagnata dalle confraternite della città vecchia e dagli equipaggi del Palio di Taranto, al suono dalle tradizionali pastorali eseguite della banda musicale “Santa Cecilia”. Tanti gli abitanti dell’Isola che, interrotti i tradizionali giochi, si affacceranno lungo l’itinerario per una preghiera e ascoltare la “pastorale”. Si percorreranno via Garibaldi, strada Garibaldi, piazza Fontana e via Cariati. Sulla banchina dei pescherecci, assieme ai volontari e ai senza fissa dimora del centro di accoglienza, l’arcivescovo sarà in attesa per prendere in consegna il Bambinello. Quindi saranno accese le fiaccole a vento distribuite ai fedeli. Dopo un momento di preghiera, Gesù Bambino sarà condotto a bordo della motonave Adria dell’Amat, che mollerà gli ormeggi, atteso al largo dai mezzi della Capitaneria di Porto e dei Vigili del fuoco, dai pescherecci delle cooperative marittime e dalle barche del Palio di Taranto. Al termine di un breve giro per Mar Piccolo, il corteo di imbarcazioni imboccherà il Canale Navigabile per lo sbarco alla banchina del Castello Aragonese. Quindi nella cappella di San Leonardo l’arcivescovo indosserà i paramenti per portare il Bambinello fino alla cattedrale attraverso piazza Castello e via Duomo, nella suggestiva cornice delle luminarie natalizie e delle fiaccole. In cattedrale l’arrivo della processione sarà accolto nel silenzio e, dopo il “Gloria”, si darà inizio alla celebrazione eucaristica.

‘U Bammine curcate

L’indomani mattina, giorno di Natale, il Bambinello (“’U Bammine curcate”) uscirà daccapo in processione a cura della confraternita della Trinità, nella caratteristica mozzetta rossa con la “cozza San Giacomo” sul petto, simbolo dei pellegrini che andavano a San Giacomo di Compostela. Il Bambinello muoverà dalla basilica di San Cataldo alle ore 10.30 e percorrerà via Duomo, pendio San Domenico, piazza Fontana, via Garibaldi, pendio La Riccia, piazza Castello e via Duomo, con rientro in chiesa. Presterà servizio la banda “Santa Cecilia”.
Durante la giornata, in Città vecchia, sante messe saranno celebrate alle ore 10 in cattedrale, alle ore 11 in San Domenico e alle ore 11.30 nel santuario della Madonna della Salute.

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)