Riconversione, M5S: “A Taranto Tecnopolo e prevista Commissione speciale”. Difesa: “Nuove assunzioni”

 

pubblicato il 23 Dicembre 2018, 14:17
5 mins

“Lo studio e l’utilizzo di tecnologie pulite, di fonti energetiche rinnovabili, di nuovi materiali, e dell’economia circolare saranno il cuore del nuovo Tecnopolo del Mediterraneo che avrà sede a Taranto, e per cui in Bilancio sono stati confermati nove milioni di euro totali, da ripartire per il triennio 2019-2021. All’interno dell’istituto si farà ricerca tecnico-scientifica, si punterà inoltre a trasferire tecnologia e valorizzare l’innovazione, a uso e consumo dell’intero Paese. L’obiettivo è quello di dotare il capoluogo ionico di una struttura capace di diventare in poco tempo un punto di riferimento nel campo dell’innovazione tecnologica di stampo green a livello europeo, con il fine primario di promuovere la crescita sostenibile italiana e migliorare l’intero sistema produttivo nazionale affinché sia maggiormente competitivo. Il Tecnopolo verrà definito attraverso gli obiettivi e il modello organizzativo tipico delle fondazioni e instaurerà rapporti, anche sul versante internazionale, con organismi simili per finalità, assicurando l’apporto di ricercatori italiani e stranieri operanti presso istituti esteri di eccellenza. Lo statuto valido per l’istituzione del Tecnopolo verrà approvato con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro dello Sviluppo economico, sentito il Ministro dell’Istruzione (i nove milioni stanziati sono iscritti nello stato di previsione del Miur), e il Ministro dell’Economia. Il Ministero dell’istruzione, infine, svolgerà compiti di vigilanza sul Tecnopolo. Come avevamo già annunciato alcune settimane fa e adesso ribadiamo grazie alla conferma nella Manovra, Taranto avrà finalmente un luogo di eccellenza da cui far ripartire la sua svolta green, a suffragio non solo della città ma di un intero Paese. Da qui si riparte, da qui invieremo a pensare un modo diverso di produrre progresso e diversificazione economica”. Lo fanno sapere i deputati del M5S, Cassese, Ermellino, Vianello e il consigliere comunale pentastellato di Taranto, Francesco Nevoli.
“E poi – aggiungono i portavoce – sempre nel ddl Bilancio è stata inserita l’istituzione, presso il ministero dello Sviluppo economico, di una ‘Commissione Speciale per la Riconversione Economica della Città di Taranto’, con lo scopo di assicurare un indirizzo strategico unitario per lo sviluppo delle aree ex-Ilva che ricadono sotto la gestione commissariale del gruppo Ilva, nonché la realizzazione di un piano per la riconversione produttiva del capoluogo ionico, anche in raccordo con il Tavolo istituzionale permanente per l’Area di Taranto. Nel merito, è autorizzata la spesa complessiva di 300 mila euro per il triennio 2019-2021, e inoltre – comunicano – la Commissione speciale sarà presieduta dal Mise. Lo stesso, attraverso un decreto, definirà il numero dei componenti, si occuperà di nominare il segretario, ne specificherà, infine, il modello organizzativo e di governo. Per esigenze connesse all’espletamento delle sue funzioni la Commissione Speciale potrà coinvolgere, inoltre, alcuni esperti a livello nazionale ed internazionale”.

“Per quanto riguarda il Tavolo istituzionale permanente per l’Area di Taranto, esso – concludono i portavoce citando il contenuto di uno stralcio del ddl Bilancio – verrà presieduto dal Presidente del Consiglio dei Ministri o da un suo delegato, da un rappresentante per ciascuno dei ministeri dello Sviluppo economico, dell’Ambiente, delle Infrastrutture e dei Trasporti, della Difesa, dei Beni e delle Attività culturali, della Salute, dell’Istruzione, dell’Agricoltura, da un rappresentante del Ministro per il sud, dai commissari straordinari dell’Ilva in Amministrazione straordinaria, da un rappresentante della Regione Puglia, della Camera di Commercio di Taranto, della Provincia di Taranto, dell’Autorità Portuale di Taranto, del Commissario straordinario per la bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto, del Comune di Taranto, da un rappresentante dell’insieme dei Comuni ricadenti nell’area di Taranto”.
Inoltre, fa sapere la deputata Alessandra Ermellino del Movimento 5 Stelle, membro della commissione Difesa, ci saranno “nuove assunzioni con contratto a tempo indeterminato per potenziare le risorse civili all’interno degli arsenali e degli stabilimenti militari. Nella Manovra è previsto che per il triennio 2019-2021 verranno integrate 294 nuove unità di personale con profilo tecnico non dirigenziale. Il ministero della Difesa è autorizzato a compiere queste nuove assunzioni con il fine di assicurare la funzionalità e l’efficienza dell’area produttiva industriale. Si tratta di una notizia che persegue gli obiettivi fissati dal Ministro Trenta con le linee programmatiche del ministero della Difesa, e a livello locale un annuncio che riuscirà a potenziare ulteriormente il sistema sinergico di collaborazione con le amministrazioni locali e le realtà produttive del territorio”.

Condividi:
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)