Zampata di Croce e il Taranto supera il Pomigliano a domicilio

 

pubblicato il 16 Dicembre 2018, 17:35
4 mins

Ci sono voluti settantanove minuti di gioco (cui vanno aggiunti i quattro di recupero del primo tempo) al Taranto per piegare la resistenza del fanalino di coda Pomigliano. Una zampata sotto porta di Croce, l’attaccante di scorta che ha sostituito a sorpresa Favetta (out per una gastroenterite), ha regalato al Taranto i tre previsti punti sul sintetico di Mugnano; tre punti che però non mutano il distacco dalla vetta in quanto il capolista Picerno ha fatto suo lo scontro diretto casalingo contro il Cerignola, battendolo nettamente per 4-1 e dando un segnale preciso al campionato, ossia che a una giornata dal termine del girone di andata i lucani non possono più essere considerati una sorpresa e che non sono primi per caso.
Come evidenziato in precedenza il Taranto ha impiegato più del previsto per riuscire a bucare la rete del Pomigliano ed anche in questa partita la squadra di Panarelli ha schiacciato l’avversario nella sua area di rigore collezionando occasioni da rete (8) e calci d’angolo a proprio favore (14 , di cui 10 soltanto nel primo tempo), trovando per l’ennesima volta un portiere paratutto (Sorrentino del Pomigliano, autore di almeno tre interventi prodigiosi) e mostrando le consuete difficoltà a concretizzare le tante occasioni da rete, un dato di fatto, questo, che continua ad alimentare la litania della mancanza di un vero e proprio bomber; litania che ci si porterà dietro per ancora qualche settimana in attesa di un ulteriore intervento sul mercato da parte della società.
Tra l’altro il Taranto prima di segnare la rete decisiva ha anche potuto avantaggiarsi della superiorità numerica per una ventina di minuti in quanto al tredicesimo della ripresa l’ex attaccante rossoblù Girardi è stato, curiosamente, espulso per doppia ammonizione, rimediando il secondo giallo dopo essere uscito per un infortunio dal terreno di gioco per le cure del caso, rientrando in campo senza l’assenso del direttore di gara.
“Abbiamo portato a casa una vittoria meritata e importante perché queste gare nascondono delle insidie se non le sblocchi subito ed è stato così. Tra l’altro è la terza partita consecutiva che non prendiamo gol e la prima vera parata oggi il nostro portiere l’ha fatta al minuto 93. Andiamo avanti così, avanti uniti, c’è da lavorare tanto ancora ma resto fiducioso” – questo il commento dell’allenatore del Taranto, Luigi Panarelli, che per la gara con il Pomigliano aveva optato, un po’ costretto dagli infortuni dell’ultima ora un po’ per scelta volontaria, per un largo turn over lasciando fuori i senior Favetta, Marsili e Di Senso più gli under Ferrara e Salatino, sostituendoli rispettivamente con Croce, Massimo, Oggiano, Carullo e Guadagno.
Il Taranto domenica prossima ospiterà il Sorrento allo Iacovone per l’ultima gara del girone di andata e dell’anno solare 2018. I campani in questa sedicesima giornata del girone H hanno battuto per 2-0 il temibile Bitonto che così lascia il Taranto da solo al terzo posto con trenta punti (ad un punto dal Cerignola e sempre a sei punti dal Picerno).

Condividi:

Commenta

  • (non verrà pubblicata)