Aerospazio: al via il progetto ‘RPASinAir’

 

pubblicato il 06 dicembre 2018, 18:57
44 secs

È stato dato il via alle attività del progetto ‘RPASinAir‘ che ha l’obiettivo di sviluppare, con un investimento di otto milioni di euro, l’impiego dei sistemi aeromobili a pilotaggio remoto (droni) e dei satelliti per aiutare la prevenzione dei rischi e la gestione delle emergenze, tra cui alluvioni, slavine, terremoti e incidenti industriali. Ne dà notizia il Distretto tecnologico aerospaziale (Dta) della Puglia, sottolineando che il progetto valorizza la missione di supporto allo sviluppo dell’industria aerospaziale affidata all’aeroporto di Grottaglie (Taranto) nel Piano nazionale degli aeroporti.

In una nota i promotori del progetto sottolineano come il progetto “contribuirà allo sviluppo e alla sperimentazione di procedure per l’integrazione dei Sapr in spazi Atm (Air traffic management) con l’ammodernamento dei sistemi di bordo e di terra dedicati alla comunicazione, al comando della piattaforma e alla trasmissione e ricezione dei dati di missione“. “Le nuove funzionalità per il controllo del traffico aereo, le nuove procedure e i protocolli per le interazioni tra controllore del traffico aereo e pilota a terra – aggiungono – verranno sottoposti a verifica sperimentale attraverso una campagna di simulazione, emulazione e con voli di prova che saranno realizzati sfruttando l’aeroporto di Grottaglie (Taranto), trasformandolo in laboratorio di ricerca industriale unico in Europa, con ricadute occupazionali soprattutto per giovani laureati“.

Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)