Bonifica San Brunone: offerte a gennaio

 

Al via la gara del valore di circa 13 milioni di euro. La zona oggetto di intervento comprende tutta l’area del cimitero
pubblicato il 30 Novembre 2018, 19:56
5 mins

Dopo il Mar Piccolo, è il turno del cimitero San Brunone. Come avevamo anticipato nell’articolo dello scorso 22 novembre, la struttura commissariale ha reso noto quest’oggi che è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea del 20 novembre scorso e sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, il bando di gara per la bonifica delle aree non pavimentate del Cimitero San Brunone nel comune di Taranto.

(leggi il nostro articolo sul bando https://www.corriereditaranto.it/2018/11/22/bonifica-san-brunone-ecco-il-bando-di-gara/)

L’intervento del valore complessivo pari a 13.693.169,78 euro prevede: la rimozione del terreno e successivo rinterro con materiale proveniente da cave e sistemazione delle fosse mediante lastre per i campi di inumazione n. 9, 15, 20, 29 e in parte il campo 36 destinato alle salme di età inferiore ai 10 anni; rimozione del terreno e successiva sistemazione previa realizzazione di capping e stesa di un tappeto verde nei campi di inumazione n. 19, 28, 36; rimozione del terreno e successiva sistemazione mediante intervento di capping per alcune aree adibite ad aiuole; realizzazione di un sistema di smaltimento delle acque meteoriche in sostituzione di quello attualmente esistente nella zona a servizio dei campi di inumazione oggetto di bonifica. 

Il termine per la presentazione dell’offerta è confermato ed è fissato per le ore 12,00 del  giorno 4 gennaio del 2019.

Confermata anche la zona oggetto di intervento comprende tutta l’area del cimitero urbano San Brunone, ha una estensione complessiva di ca. 181.000 mq e presenta aree non pavimentate (aiuole e campi di inumazione), aree pavimentate (viali) e aree edificate (gallerie e ossari comunali, cappelle sociali).

(leggi qui l’articolo sul progetto e le varie prescrizoni https://www.corriereditaranto.it/2018/01/27/bonifica-aree-san-brunone-ok-al-progetto-esecutivo-della-corbelli-ora-bando-gara/)

Nella nota della struttura commissariale, viene ricordato che le analisi sui terreni hanno evidenziato un inquinamento profondo. Le attività di inumazione hanno difatti provocato una continua rimozione del terreno portando lo strato superficiale inquinato anche molto più basso, sino a due metri. “Il Commissariato Straordinario, guidato da Vera Corbelli, ha operato analizzando i terreni inprofondità, ha ridotto i campi di inumazione da 7 a 5 e ha realizzato il rifacimento della rete di drenaggio delle acque che terminano la loro corsa nel canale di San Brunone, da anni interrato” si legge nella nota che conferma le notizie diffuse nei mesi scorsi.

Le parole del commissario Vera Corbelli

In poco più di due anni si è riusciti a completare tutte le indagini ed i rilievi necessari alla costruzione di un accurato quadro conoscitivo, a scegliere la migliore soluzione progettuale, a sviluppare tutte e tre le fasi di progettazione (fattibilità tecnica ed economica, definitiva ed esecutiva), ad acquisire tutti i pareri, a concludere le operazioni di verifica e validazione ed ad avviare le operazioni per l’affidamento dei lavori”, ha detto il Commissario, Vera Corbelli. “L’interventodi bonifica del cimitero, elaborato direttamente dal Commissariato Straordinario con il supporto di un dedicato Gruppo di progettisti interni, consentirà il prosieguo della pratica dell’inumazione garantendo la sicurezza per i lavoratori ed i visitatori del cimitero; particolare importanza riveste anche l’efficientemento del sistema fognario del cimitero oramai poco funzionante. Si tratta, quindi, di un’azione organica che ha avuto sia l’obiettivo di bonificare le aree inquinate, sia la realizzazione di tutti quegli interventi necessari a ridare alla città di Taranto un adeguato cimitero monumentale”.

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2018/11/09/bonfiche-e-arpa-taranto-il-focus-attuale/)

Dunque ora non resta che attendere vedere quale ditta vincerà il bando e capire in quanto tempo saranno realizzati i tanto attesi lavori di bonifica del cimitero San Brunone. Sperando che si faccia altrettanto dall’altro lato della strada, in direzione Ilva, onde evitare di rendere vani i soldi spesi e i lavori che si andranno ad effettuare. Staremo a vedere.

(leggi i nostri articoli sulle bonifiche https://www.corriereditaranto.it/?s=bonifiche+&submit=Go)

Condividi:
Gianmario Leone, nato a Taranto il 2/1/1981, laureato in Filosofia, docente di Storia e Filosofia, per 8 anni opinionista del quotidiano "TarantoOggi" nel settore, ambiente, politica, economia, cultura e sport, collaboratore e referente per la Puglia dal 2012 de "Il Manifesto" e del sito "Siderweb", collaboratore dal 2011 al 2015 del sito di informazione ambientale www.inchiostroverde.it. Ha collaborato nel corso degli anni anche con altre testate on line o periodici cartacei come 'Nota Bene' e 'LiberaMente' ed è un'opinionista di "Radio Onda Rossa" e "Radio Onda d'urto". Collabora con Radio Popolare Salento. Dal 2008 al 2012 ha lavorato per l'agenzia di stampa "Italiamedia". Ha contribuito alla realizzazione del lungometraggio 'Buongiorno Taranto' e al docufilm 'The italian dust'. Nel dicembre 2011 ha ottenuto il “Riconoscimento S.o.s. Taranto Chiama”, "per il suo impegno giornaliero d’indagine e approfondimento sui temi ambientali che riguardano la città". Nel febbraio del 2014 invece ha ottenuto il premio dei lettori nel "Premio Michele Frascaro, dedicato al giornalismo d’inchiesta", indetto dalle Manifatture Knos e patrocinato dall’Ordine Nazionale e Regionale dei Giornalisti , attribuito in base al voto on line, per la sua inchiesta sul progetto “Tempa Rossa” (Eni), che racchiudeva gli articoli scritti tra il 2011 e il 2012.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)