Arco e piazzetta Madonna del Pozzo: torna la luce

 

pubblicato il 13 Novembre 2018, 20:46
2 mins

“Solo un anno fa questo vicolo era un luogo fatiscente e buio utilizzato come latrina e come luogo adito allo spaccio di droga. Il fetore e il buio facevano da corona ad una edicola mariana e ad un luogo che ha avuto, nel vissuto remoto e non, una importanza fondamentale nella storia cittadina. Ora però questo scorcio della Città vecchia ha finalmente assunto una veste nuova”. Queste parole, nella pagina facebook di Pierina Marturano, celebrano un’altra tappa importante nella fruibilità di questa zona del centro storico, dimenticata negli anni. Si tratta di piazzetta Madonna del Pozzo e di Arco Madonna del Pozzo, tornati pienamente vivibili grazie all’illuminazione stradale. Nei mesi scorsi la signora Pierina, titolare dell’attiguo laboratorio artigianale “Pirirò” (aperto recentemente), avevano effettuato con il marito la pulizia e il restauro di Arco Madonna del Pozzo e dell’edicola mariana. “La mancanza di illuminazione rischiava però di rendere vano e inutile tutto questo lavoro – dice – e ci siamo spesso rivolti alle istituzioni affinchè intervenissero. Il fattivo interessamento del presidente del consiglio comunale, Lucio Lonoce, ha così permesso di risolvere il non facile problema, bypassando lo sbarramento murario del cortile comunicante con via Paisiello (che delimita edifici semicrollati) che impediva agli operatori dell’Enel di fare i dovuti allacciamenti”.
Alla fine si è riusciti a far accendere il faretto all’inizio dell’Arco Madonna del Pozso e il lampione, da anni spento, nella retrostante piazzetta. “Siamo felici di esservi riusciti, dopo tanta attesa. Quel buio faceva paura e teneva lontani i visitatori. Ciò ci incoraggia a impegnarci maggiormente per la rinascita della Città vecchia, anche se molto resta ancora da fare – dice Pierina Marturano –. Anche se vicino al laboratorio i nuovi proprietari stanno lavorando per rendere agibili alcune abitazioni, quella piazzetta è quasi completamente deserta. Spero che adesso qualcuno possa farci un pensierino e venirci ad abitare, dopo opportuni lavori di risistemazione. Questo scorcio della Città vecchia, ne sono sicura, è destinata a diventare un gioiellino”.

Condividi:

Commenta

  • (non verrà pubblicata)