Cemitaly, sospesa procedura di licenziamento

 

Vicino l'accordo per il rinnovo della Cigs per altri 12 mesi. Si attende rinnovo fondi per il 2019 da parte del governo
pubblicato il 08 novembre 2018, 19:30
6 mins

E’ stata sospesa la procedura di licenziamento collettivo per i 67 lavoratori della Cemitaly di Taranto (ex Cementir), per cessazione totale dell’attività del sito industriale (di cui 57 lavoratori appartenenti alla categoria intermedi e operai e 10 alla categoria impiegati e quadri, corrispondenti all’intero organico aziendale). Con la possibilità che nei prossimi giorni venga firmato in sede ministeriale l’accordo per il rinnovo della Cigs per altri 12 mesi.

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2018/10/23/cemitaly-tavolo-a-roma-la-cigs-unica-soluzione/)

L’accordo tra azienda, sindacati e Regione Puglia, è stato sottoscritto quest’oggi a Bari, durante la riunione svoltasi nella sede dell’assessorato al Lavoro dell’ente regionale, presieduta dal presidente del Comitato regionale di monitoraggio del Sistema Economico Produttivo e delle Aree di Crisi (SEPAC) Leo Caroli. All’incontro hanno preso parte anche l’assessore regionale allo Sviluppo economico Cosimo Borracino, il dirigente e il funzionario dell’Area di Crisi industriale della Regione, i rappresentanti di Confindustria Taranto, i segretari di Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil di Taranto.

La Cemitaly Spa presenterà istanza per chiedere il rinnovo per altri 12 mesi sino al 22/12/2019, dell’integrazione salariale per i 66 lavoratori dell’ex Cementir di Taranto, purchè vi sia il sostegno della Regione Puglia, anche di natura economica, al fine di completare il piano di recupero occupazionale. Inoltre la società si è detta favorevole alla possibilità, una volta ripresa l’attività produttiva, compatibilmente con le attività organizzative del sito, di attuare una rotazione su alcune posizioni professionali e di anticipare il trattamento di integrazione salariale alle normali scadenze di paga.

D’altronde la Regione Puglia, durante l’ultima riunione a Roma lo scorso 23 ottobre, ipotizzò come realizzabile la possibilità di estendere per altri 12 mesi la CIGS per aree di crisi industriale complessa a partire dal 22 dicembre 2018, a fronte di una verifica, ancora da compiersi, sulla disponibiltà delle risorse economiche stanziate e previa stipula del verbale di accordo propedeutivo all’attivazione delle politiche attive del lavoro.

(leggi il nostro articolo dello scorso 15 ottobre https://www.corriereditaranto.it/2018/10/15/cemitaly-avvia-licenziamento-collettivo-a-rischio-lavoro-e-bonifiche/)

A sostegno dell’intervento di intergrazione salariale, Cemitaly Spa, organizzazioni sindacali e Regione Puglia, si sono dette d’accordo nel realizzare un percorso di politiche attive del lavoro, che vada a completare il piano di recupero occupazionale concordato per gli anni 2017 e 2018, finalizzato alla rioccupazione di tutti quei lavoratori che si ritroveranno in esubero al termine del periodo di integrazione salariale. Questo percorso prevede un progetto di interventi formativi di 80 ore a lavoratore, che serva ad implementare la sua formazione ed un miglioramento delle competenze, che sarà predisposto dall’azienda e sarà concordato con Regione Puglia e organizzazioni sindacali. Inoltre, il percorso prevede la presa in carico dei lavoratori da parte dei Centri per l’Impiego per i servizi di orientamento specialistico, ed infine la possibilità per ogni lavoratore di usufruire dell’incentivo all’esodo come già avvenuto negli ultimi due anni.

Pertanto, azienda, sindacati e Regione, con l’accordo odierno hanno di fatto espletato tutte le operazioni previste dalla legge per richiedere l’integrazione salariale per i prossimi 12 mesi, rientrando il sito nell’area di crisi industriale complessa di Taranto. Nei prossimi giorni Cemitaly invierà al ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dello Sviluppo economico, tutto l’incartamento necessario per l’avvio della procedura del rinnovo degli ammortizzatori sociali, con l’impegno, da parte di tutte le parti interessate, a sottoscrivere l’accordo in sede ministeriale entro il prossimo 21 dicembre 2018, oltre all’impegno di monitorare con cadenza trimestrale l’andamento dei percorsi di formazione dei lavoratori. Piano che è stato presentato oggi dall’azienda che riguarda tutti i lavoratori che beneficieranno degli ammortizzatori sociali, e i cui dettagli saranno poi illustrati in sede ministeriale.

Una volta ottenuto l’ok per il rinnovo della Cassa Intergrazione Straordinaria per siti in aree di crisi industriale complessa, l’azienda ritirerà la procedura di licenziamento collettivo avviata lo scorso 10 ottobre.

(leggi il nostro articolo dello scorso 15 settembre https://www.corriereditaranto.it/2018/09/15/22cemitaly-il-futuro-e-unincognita-assoluta/)

E’ però necessario l’attuale esecutivo rinnovi i fondi per gli ammortizzatori sociali della aree di crisi industriale complessa. Di cui usufruiscono anche molti lavoratori delle aziende dell’indotto Ilva, come ad esempio alcune che sono impegnate nel cantiere dei lavori per la copertura dei parchi minerali. Che si ritroveranno senza copertura degli ammortizzatori sociali, qualora il governo non rinnovi anche per il 2019 i suddetti fondi.

Sottolineamo ancora una volta che da futuro industriale del sito ex Cementi e dei suoi 66 lavoratori, dipenda anche il completamnto della bonifica del sito e della calata IV del porto di Taranto. E’ quindi auspicabile che, seppur con un ritado inspiegabile, i parlamentari e sentatori ionici del Movimento 5 Stelle, ad oggi silenti sulla vertenza, a differenza del Comune e della Provincia di Taranto, che hanno mostrato interesse e disponibilità nel fare la loro parte, facciano la loro parte.

(leggi tutti gli articoli sulla Cementir https://www.corriereditaranto.it/?s=cementir&submit=Go)

Gianmario Leone, nato a Taranto il 2/1/1981, laureato in Filosofia, docente di Storia e Filosofia, per 8 anni opinionista del quotidiano "TarantoOggi" nel settore, ambiente, politica, economia, cultura e sport, collaboratore e referente per la Puglia dal 2012 de "Il Manifesto" e del sito "Siderweb", collaboratore dal 2011 al 2015 del sito di informazione ambientale www.inchiostroverde.it. Ha collaborato nel corso degli anni anche con altre testate on line o periodici cartacei come 'Nota Bene' e 'LiberaMente' ed è un'opinionista di "Radio Onda Rossa" e "Radio Onda d'urto". Collabora con Radio Popolare Salento. Dal 2008 al 2012 ha lavorato per l'agenzia di stampa "Italiamedia". Ha contribuito alla realizzazione del lungometraggio 'Buongiorno Taranto' e al docufilm 'The italian dust'. Nel dicembre 2011 ha ottenuto il “Riconoscimento S.o.s. Taranto Chiama”, "per il suo impegno giornaliero d’indagine e approfondimento sui temi ambientali che riguardano la città". Nel febbraio del 2014 invece ha ottenuto il premio dei lettori nel "Premio Michele Frascaro, dedicato al giornalismo d’inchiesta", indetto dalle Manifatture Knos e patrocinato dall’Ordine Nazionale e Regionale dei Giornalisti , attribuito in base al voto on line, per la sua inchiesta sul progetto “Tempa Rossa” (Eni), che racchiudeva gli articoli scritti tra il 2011 e il 2012.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)