Paolo VI, bus non sufficienti: l’appello all’Amat

 

I disagi per la mobilità degli studenti ma non soltanto
pubblicato il 17 ottobre 2018, 11:18
2 mins

E’ un disagio che, effettivamente, si riscontra ormai da tempo: la mobilità degli studenti – ma non solo – che dal quartiere Paolo VI devono raggiungere la città e quindi le sedi degli istituti scolastici. Autobus stracolmi e quindi spesso non in grado di sopperire alle esigenze degli utenti. La questione ci viene nuovamente segnalata da un lettore che si rivolge all’AMAT.
Egregio sig. Direttore Generale, con la presente volevo segnalarLe la situazione critica che ogni giorno sono costretti a subire tutti gli studenti che dal nostro quartiere hanno la necessità di spostarsi per raggiungere le scuole site nel centro cittadino. I ragazzi viaggiano stipati l’uno su gli atri, spesso con a corredo materiale scolastico ingombrante, oltre agli altri utenti che frequentano la stessa tratta quotidianamente. Spesso, al termine dell’orario scolastico che per molti si chiude alle ore 14:00, soprattutto la linea 24 transita su via Cesare Battisti già piena, senza possibilità di far salire a bordo altri passeggeri, ed il bus successivo non effettua la corsa prima di 30/45 minuti con l’effetto di far rincasare i ragazzi ben oltre le 15:00. Tale disagio non si riflette soltanto sui ragazzi stessi ma spesso e volentieri anche su noi genitori che siamo costretti, nel limite del possibile, a metterci in macchina ed ad andare a recuperarli alla fermata del bus rimettendoci soldi in carburante e permessi sul lavoro nonostante, e parlo personalmente, paghi regolarmente l’abbonamento mensile. Molto probabilmente questa mia non sortirà nessun effetto e credo che Lei nemmeno la leggerà, però questo è un primo passo di una serie che verranno posti in essere per dare una dignità ai nostri ragazzi ed una dignità al nostro quartiere. Le auguro buon lavoro e Le porgo cordiali saluti. F.to Vito Russo”

Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)