L’aeroporto sempre più… spaziale

 

Firmato nella sede dell'Ambasciata d'Italia a Washington un importante accordo tra Virgin Orbit, Virgin GALACTIC e Gruppo ANGEL
pubblicato il 14 Ottobre 2018, 16:32
3 mins

Ieri nella sede dell’Ambasciata d’Italia a Washington è stato firmato, nell’ambito dell’evento “Italy-Us Space Cooperation on Suborbital Flights”, un importante accordo tra Virgin Orbit, Virgin GALACTIC e Gruppo ANGEL. Sono intervenuti per la Regione Puglia il presidente Michele Emiliano; per l’Ambasciata d’Italia Armando Varricchio (Ambasciatore d’Italia), Stefan Cont, Lamberto M. Moruzzi, Roberto Vittori, Francesco P. Cannito e Pietro Giacalone; per il Politecnico di Bari il Rettore Eugenio Di Sciascio e il prorettore Vito Albino; per conto del ministero degli Affari esteri: Vincenzo De Luca, DG per la promozione del sistema economici italiani; per Angel Group il CEO Vito Pertosa e il fondatore di Blackshape Angelo Petrosillo; in rappresentanza di Virgin Galactic e Virgin Orbit il CEO George T. Whitesides e Sirisha Bandla.

“Siamo nell’ambasciata italiana di Washington – ha detto il presidente Emiliano – abbiamo appena firmato un accordo importantissimo che potrebbe cambiare la storia dell’accesso umano allo spazio. Come vedete la Virgin Galactic e la Angel di Vito Pertosa, che è un’azienda pugliese, hanno firmato questo accordo molto importante che potrebbe consentire a breve presso l’aeroporto di Grottaglie di iniziare i voli suborbitali”.

“Si tratta del primo aeroporto d’Europa – ha continuato Emiliano – ad avere il decreto come spazioporto che abiliterebbe questo a struttura aeroportuale importantissima dalla quale già partono tutte le esportazioni pugliesi verso gli Stati Uniti. Voi immaginate che l’aereospazio è il primo settore di esportazione della Puglia verso gli Stati Uniti, quindi è di grandissima importanza. La carlinga dell’aereo più importante della Boeing, il Dreamliner, viene costruita già a Grottaglie ed esiste una combinazione produttiva che favorirebbe i voli sub-orbitali. In particolare la presenza di una grande Università e Politecnico di Puglia, il Politecnico di Bari, le strutture turistiche che esistono vicino a Grottaglie, la grande capacità industriale della manodopera che si è formata in questi anni in provincia di Taranto. Tutto questo evidentemente può offrire un modello industriale alternativo a quello dell’ILVA e dell’acciaio e quindi per noi questa questo accordo ha un’importanza straordinaria”.

“Mi auguro – ha concluso Emiliano – che a breve ci possano essere i primi voli turistici nei quali addestrare, diciamo così, gli aspiranti astronauti europei per questi primi voli. Ma soprattutto questi aerei consentirebbero di mettere in orbita i microsatelliti prodotti in Puglia a costi infinitamente inferiori a quelli dei lanciatori tradizionali. Insomma, è una giornata di grandissima importanza e qui, presso l’ambasciata italiana a Washington, si svolgerà l’evento in cui la Puglia è Regione d’Onore del Niaf la grande organizzazione degli italoamericani d’America”.

Condividi:
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)