Luoghi del cuore: il segreto della spiaggia rosa

 

pubblicato il 18 Settembre 2018, 10:49
2 mins

Lontani ma ad un millimetro dal cuore, posti che hanno visto cambiare ciascuno di noi. I luoghi del cuore albergano nella nostra memoria, tra ricordi e nostalgie, dove talvolta si ritorna per rivivere emozioni custodite. Si tratta di posti speciali parte della nostra vita o visitati nel passato.
E’ inevitabile non domandarsi quale sia il proprio. Il luogo del cuore è un sentiero, una panchina, il frastagliarsi delle onde sugli scogli ma sono anche volti, colori ed immagini. E’ importante salvaguardare ogni luogo, speciale o meno, in quanto possibile futuro posto del cuore di qualcuno.
Tra questi la spiaggia rosa di Budelli in Sardegna, area di inestimabile interesse naturalistico grazie alla sua celebre sabbia di colore rosato, dato dai frammenti polverizzati di un microrganismo: la miniacina miniacea. Il visitatore si ritrova di fronte ad acque cristalline, mentre alle spalle la ricca vegetazione offre colori e profumi mediterranei. Il percorso rosa permette di giungere sulla passerella e poterla ammirare come fosse un quadro, magari seduti sulla suggestiva roccia a forma di sedia che si erge in prossimità della spiaggia. Dopo migliaia di anni è ancora perfettamente ammirabile, tuttavia solo da pochi visitatori per volta, il che permette non solo una migliore contemplazione del paesaggio ma in tal modo viene tutelato l’ambiente. Inoltre, come garanzia di tutela, nel corso degli anni sono stati posti numerosi divieti come ad esempio calpestare dune e vegetazione o raccogliere la sabbia. Lo scenario è osservabile anche durante escursioni in barca con visita guidata, permettendo ai turisti di immergersi completamente nella natura.
Nominata come “Meraviglia Italiana” nel 2011, tale spiaggia è diventata simbolo dell’intero Parco Nazionale geomarino della Maddalena che ne promuove l’unicità invitando i visitatori al rispetto ambientale, assumendo così una valenza pedagogica.
L’incanto di questo posto è stato evidenziato anche in ambito cinematografico nel famoso film “Deserto rosso” da Michelangelo Antonioni.

Rebecca Giusti

Condividi:
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)