Il progetto dei “Baraccamenti Cattolica” a rischio per i tagli del Governo. Melucci: “Una beffa”

Il Sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, commenta il rischio che vengano persi i finanziamenti per il progetto dei Baraccamenti Cattolica ed attacca i rappresentanti locali del M5S: "Siamo vittime di una schizofrenia politica: le forze di governo, a Taranto, rivendicano chiassosamente la necessità di uno sviluppo alternativo, salvo tacere a Roma quando i fondi necessari a quell’obiettivo vengono cancellati"
Posted on agosto 09, 2018, 4:22 pm
3 mins

«È bastata meno di una settimana per tradire le aspettative poste nel progetto di riqualificazione dell’area dei Baraccamenti Cattolica.  Con una “rasoiata”, infatti, il Governo sta cancellando i fondi destinati al Piano Periferie, che grazie all’attivazione del partenariato pubblico/privato avrebbe attivato a Taranto un intervento da ben 10 milioni di euro, nella migliore delle ipotesi ora congelato». Lo si apprende da una nota stampa del Comune di Taranto che informa in merito al serio rischio che i finanziamenti precedentemente stanziati dal Governo per il “Piano Periferie”, nel quale rientra il progetto di riqualificazione dei “Baraccamenti Cattolica”, possano essere distratti verso altri capitoli di spesa. La questione, in verità, era già nota e noi stessi in parte anticipammo, senza entrare nel merito della questione onde evitare troppi scetticismi preventivi, le criticità esistenti in sede di presentazione del progetto definitivo (leggi qui). Del resto, si sa, in Italia funziona così: cambiano i governi e cambiano, di conseguenza, i progetti ed i finanziamenti; con buona pace per ciò che di buono era stato stanziato in precedenza. Qualcuno lo chiama “prassi politica”, qualcun altro “cambiamento” ma un osservatore delle questioni politiche ed amministrative non può che evidenziarne l’isterismo ed il trasformismo camaleontico, spesso nocivo per i territori locali,  insito in talune scelte politiche nazionali.

«La beffa di questa decisione – ha spiegato il sindaco Rinaldo Melucci – non è nemmeno necessario evidenziarla. Siamo vittime di una schizofrenia politica: le forze di governo, a Taranto, rivendicano chiassosamente la necessità di uno sviluppo alternativo, salvo tacere a Roma quando i fondi necessari a quell’obiettivo vengono cancellati».

La progettazione dell’intervento di recupero dei Baraccamenti Cattolica – si legge nella nota di Palazzo di Città – ha visto convergere idee e volontà pubbliche e private, un iter non esente da fatica che potrebbe terminare con un nulla di fatto. «Meno di una settimana fa abbiamo presentato il progetto definitivo – le parole dell’assessore ai Lavori Pubblici Massimiliano Motolese -, annunciando addirittura l’avvio dei lavori in autunno. Ora questa doccia gelata, un emendamento del Governo che potrebbe basarsi su un presupposto errato, se è vero che la sentenza di Cassazione cui sarebbe ispirato non ha legami con il Piano Periferie. È un’occasione tradita, che potrebbe anche trasformarsi in un danno enorme perché saremo costretti a sostenere comunque le spese progettuali».

Le speranze, ora, sono poste nei prossimi passaggi parlamentari dell’emendamento e nel fronte che la comunità degli enti locali saprà opporre. «Siamo disponibili a qualsiasi iniziativa dell’Anci – ha concluso Melucci – perché il problema è di dimensioni enormi. Dobbiamo fronteggiare la scarsità di trasferimenti dello Stato aderendo a queste misure, e lo stesso Stato le blocca: i cittadini meritano maggiore chiarezza».

"Nothing is real and nothing to get hung"...

Commenta

  • (non verrà pubblicata)