Nave Aquarius, Rete antirazzista di Taranto: “Basta con questa assurda guerra contro i poveri”

 

pubblicato il 13 giugno 2018, 12:20
3 mins

La Rete antirazzista di Taranto, costituita da diverse associazioni, sindacati e cittadini, si è riunita in assemblea per discutere della vicenda della nave Aquarius e della nuova linea adottata dal governo Lega-Cinquestelle

«Basta con questa assurda guerra contro i poveri, inaugurata da Minniti e Orlando e raccolta a piene mani dal governo del fantoccio di Salvini e Di Maio, Giuseppe Conte». Così la Rete antirazzista di Taranto, costituita da diverse associazioni, sindacati e cittadini, che si è riunita in assemblea per discutere della vicenda della nave Aquarius e della nuova linea adottata dal governo Lega-Cinquestelle. L’obiettivo è quello di «radicare sul territorio una rete stabile allo scopo di ricostruire una cultura solidale, che contrasti le bugie diffuse al solo fine di creare allarme sociale, di costruire un comune nemico del popolo, i migranti». Secondo la Rete antirazzista, «non ci sono 500.000 clandestini in Italia, è un numero costruito facendo la somma delle persone che sono arrivate sulle nostre coste dal 2014 ad oggi, ma che in realtà, almeno nel 60% dei casi, ha ottenuto il riconoscimento di una forma di protezione umanitaria o internazionale, mentre il resto ha già da tempo abbandonato il territorio italiano. Esistono, al contrario, migliaia di persone che vivono regolarmente in Italia, ma che tutti i giorni si vedono negato l’accesso ai diritti». Il Ministro Salvini, aggiungono le associazioni, «esulta in queste ore per la conclusione della vicenda delle 629 persone a bordo dell’Aquarius, con l’offerta della Spagna di accogliere bambini, donne e uomini abbandonati in mare, affermando che finalmente l’Europa comincia a mostrare solidarietà con l’Italia. Ma quella della Spagna è solidarietà verso persone vittime di tratta, verso persone in fuga da conflitti, verso minori abbandonati». La Rete antirazzista prende «positivamente atto delle parole del sindaco Melucci, pronto ad aprire il porto, in contrasto alla chiusura proclamata dai Ministri Salvini e Toninelli». Ma Taranto è – sostengono – anche «l’avamposto delle politiche di respingimento e di costruzione di marginalità nel nostro Paese, attraverso la infame pratica dei rastrellamenti delle persone che vogliono lasciare l’Italia e si affollano ai confini, dove vengono catturati e portati a mille chilometri di distanza e rimessi per strada senza soldi, senza cibo e senza alcun aiuto, in un crudele gioco dell’oca. Taranto – concludono – ha visto numerosi episodi di decine di persone abbandonate a se stesse, addormentate per giorni sotto i ponti e sui gradini della stazione ferroviaria, in attesa di tornare ad essere vittime dei trafficanti o di un aiuto per riprendere il viaggio».

Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)