Piano edilizia scolastica, Borraccino chiede rinvio per la presentazione dei progetti

 

pubblicato il 27 Aprile 2018, 20:53
3 mins

Borraccino: “Serve rinviare i termini di presentazione dei progetti relativi al Piano triennale di Edilizia scolastica 2018/2020”

Piano triennale di edilizia scolastica: pubblichiamo, di seguito, la nota stampa del consigliere regionale di Sinistra Italiana/Liberi E Uguali,  Mino Borraccino, che informa di aver richiesto, a mezzo pec all’assessore regionale Sebastiano Leo, “il rinvio di almeno un mese del termine della presentazione dei progetti da parte degli Enti locali”.

«Con una Pec inviata all’Assessore Sebastiano Leo, ho chiesto il rinvio di almeno un mese del termine della presentazione dei progetti da parte degli Enti locali. Infatti, la Determinazione Dirigenziale n. 16 del 16/04/2018, nell’approvare l’Avviso pubblico concernente il Piano in oggetto, ha stabilito che gli Enti Locali possano presentare progetti in tema di edilizia scolastica a decorrere dal 30 aprile p.v. e sino al 29 giugno p.v.

Senonchè, cogliendo la preoccupazione di Dirigenti Scolastici e di numerosi Amministratori comunali attualmente privi di compagine amministrativa e prossimi al voto del 10 giugno, ho manifestato all’Assessore la difficoltà che le nuove amministrazioni, appena insediate (specie quelle nei cui Comuni è molto probabile si tenga anche il ballottaggio), possano presentare progetti di edilizia scolastica entro i termini sopra indicati.

Pertanto ho chiesto di prorogare la data di scadenza dell’Avviso citato almeno al 31 luglio c.a.

A supporto di questa richiesta, ho fatto notare che tra i criteri di attribuzione del punteggio ai fini della definizione della graduatoria di merito vi è anche l’eventuale quota di cofinanziamento comunale che, negli Enti attualmente commissariati, un Commissario Prefettizio non ha il potere di deliberare.

In Puglia sono 47 i Comuni interessati al voto su 258, pari a circa il 18% del totale. Di questi, 8 nella provincia di Bari, 3 nella BAT (tra cui Barletta), 8 in provincia di Brindisi, tra cui lo stesso capoluogo, 10 in provincia di Foggia, 11 in provincia di Lecce e 7 in provincia di Taranto. Sono 15 i Comuni con popolazione superiore ai 15 mila abitanti, eventualmente interessati al turno di ballottaggio e 32 quelli con meno di 15 mila in cui si vota con il sistema maggioritario a turno unico. Sono 18 gli enti in Amministrazione straordinaria e 39 quelli che vanno a scadenza naturale. Resto in attesa di un riscontro positivo, anche in considerazione dell’esperienza di Amministratore locale maturata in precedenza dall’Assessore», conclude Borraccino.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)