“Venerdì in lettura” ospita “E la città se ne venne al Borgo”

 

pubblicato il 12 Aprile 2018, 08:01
2 mins

È un viaggio a ritroso nel tempo, nel fascino di una città mai troppo amata e sempre troppo poco conosciuta quello che propone l’appuntamento con i “Venerdì in lettura” dell’associazione “Le città che vogliamo”.

Venerdì 13 aprile, alle ore 18.30 in via Fiume 12, ospite dell’associazione sarà Nello De Gregorio, presidente dell’associazione “Nobilissima Taranto”, con il suo ultimo libro “E la città se ne venne al Borgo”, edizioni Mandese. A dialogare con l’autore sulle bellezze della nostra città sarà l’architetto Mario Carobbi. Porterà i saluti il consigliere regionale Gianni Liviano.

Elegante, raffinato, ricco di immagini, il lavoro di Nello De Gregorio regala il racconto di una città che fiorisce attraverso lo stile Liberty, che diventa marchio distintivo dei più bei palazzi delle vie del centro cittadino. Palazzo degli Uffici, rappresenta la più importante forma di edilizia dell’antico piano regolatore. L’impostazione urbanistica di tipo torinese, di quello che, non a caso, si chiamerà “borgo umbertino”, anche per l’adozione di quella che fu la moda architettonica dell’epoca, ossia il Liberty, è rimasta intatta fino ad oggi ad abbellire la città con telamoni, colonne e con echi dei fregi, presenti proprio nel Palazzo degli Uffici. Un unicum che affonda le sue radici nello stile classicheggiante.
Una passeggiata tra le vie e i palazzi più belli del Borgo umbertino con chi, Nello De Gregorio, dell’amore per la città ha fatto il suo tratto distintivo, dedicando larga parte del suo tempo al recupero e valorizzazione, per esempio, del percorso ipogeico della città vecchia.

Condividi:
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)