Basta, il podista con la chitarra, alla “100 km du Senegal”

 

pubblicato il 10 marzo 2018, 16:45
2 mins

«Per dire a sé stessi che “io ce la posso fare”, che nulla è impossibile». Risponde così, Alessandro Basta, a chi gli chiede perché abbia deciso di cimentarsi in una corsa durissima come la 100 km du Senegal. Avvocato civilista, compositore e atleta, Basta affronta per la seconda volta l’ultra-maratona senegalese, per la quarta volta una corsa di questo genere.

La corsa a cui si appresta a partecipare (partenza per il Senegal il prossimo 16 marzo) ha i tratti dell’impresa. 138 km (a dispetto del nome) in quattro tappe, di cui una in notturna. Appena ventinove partecipanti da tutto il mondo, che prima di sfidarsi fra di loro dovranno vincere la sfida con la sabbia del deserto che scorrerà sotto i loro piedi. I particolari esposti dal “podista con la chitarra” sono da brividi per chi non è abituato a queste competizioni estreme: un solo rifornimento durante ciascuna tappa, con l’obbligo di portare in spalla tutto il necessario, dall’acqua al kit di emergenza. Sì, perché lungo la maggior parte del lunghissimo percorso i partecipanti saranno completamente soli.

Basta sarà uno degli appena cinque italiani in lizza, nonché l’unico proveniente dal centro-sud, motivo in più per sottolineare quella che, comunque vada, sarà un’impresa. Lo si capisce anche dall’intensità degli allenamenti che sono necessari a preparare la competizione: 15-20 km di corsa ogni giorno (25-45 nei finesettimana), il tutto con una zavorra di 7/10 kg sulle spalle. Si corre nei campi arati e sulle spiagge roventi di mezzogiorno nei mesi estivi per abituarsi alle condizioni estreme dei deserti africani.

A chi gli chiede se ha ancora un sogno nel cassetto, Basta risponde con certezza: la Marathon de Sables, la più difficile delle ultra-maratone. 380 km in quattro giorni e quattro notti, che il maratoneta tarantino conta di affrontare il prossimo anno. Frattanto, però, il podista con la chitarra non starà con le mani in mano. Al ritorno dalla sua partecipazione alla 100 km (che sarà sponsorizzata dall’Ordine degli avvocati di Taranto e dalla Banca di Taranto), darà il via ad un tour musicale a scopo benefico, l’Arcobaleno tour, a partire dal 14 aprile.

Vi terremo aggiornati.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)