Salvataggio ‘Paisiello, l’on. Vico (Pd): “Era già salvo. Fumus da campagna elettorale”

 

pubblicato il 06 Febbraio 2018, 17:46
3 mins

E’ polemica sulle ultime vicende riguardanti l’Istituto musicale Paisiello, il cui futuro sembra essere più vicino al salvataggio economico dell’anno in corso ed alla futura statizzazione che dovrebbe scrivere la parola fine dopo anni di timori e paure. Purtroppo però, come spesso accade in Italia, ‘stranamente’ molti problemi vengono risolti a ridosso delle campagne elettorali, cosa che comporta una corsa al merito di dubbio gusto.

Il Paisiello era salvo e lo sapevamo! Ma la campagna elettorale incombe e a qualcuno fa comodo far emergere come nuove notizie già date“, dichiara l’on. Ludovico Vico del Pd.  “Come annunciato a dicembre – ricorda l’on. Vico – quando il Ministro Valeria Fedeli firmò il decreto ministeriale del MIUR con il quale venivano stanziati 7,5 milioni di euro per l’avvio della procedura di statizzazione degli Istituti superiori musicali non statali e delle accademie non statali di belle arti, nella ripartizione di 5 milioni di tali fondi, al Giovanni Paisiello di Taranto sono stati assegnati risorse finanziarie per il prosieguo dell’anno accademico, ammontanti a circa 440 mila euro. Cifra nettamente superiore a quella consuetamente erogata, pari a 300 mila euro. La Corte dei Conti, infatti, ha approvato il decreto alla fine di gennaio e nella giornata di ieri il direttore generale del MIUR ha solo provveduto a trasferire i 440 mila euro stanziati a dicembre. I restanti 2,5 milioni, come fu detto, sono stati assegnati e suddivisi in base alle criticità. Stando proprio alle criticità, nella suddivisione di tali fondi, è rientrato anche il Paisiello, per il quale fra la fine di febbraio e l’inizio di marzo, verranno impegnati circa 300mila euro per l’anno 2018“.

Forse – conclude l’on. Vico – la statizzazione non è proprio cara a tutti, in quanto non si spiega il perché invece di trasmettere tranquillità agli studenti e alle loro famiglie, si è voluto montare un fumus, coinvolgendo in maniera inutilmente allarmistica anche loro. Il Paisiello era già salvo, le procedure erano state attivate ed ora stanno procedendo nel loro corso. Ieri, bontà sua, ne ha preso atto anche il presidente della Provincia, Tamburrano. Con l’auspicio che un certo tipo di politica la smetta di strumentalizzare i ragazzi, auguro agli allievi dell’istituto un buon prosieguo dell’anno accademico“.

(leggi tutte le notizie sul Paisiello https://www.corriereditaranto.it/?s=paisiello)

Condividi:
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)