Sequestro ‘botti’ cinesi – 43enne aggredito da rottweiler

 

pubblicato il 26 Dicembre 2015, 13:21
4 mins

Il Natale, come tutte le festività, non ferma certamente i malviventi, impegnando così le forze dell’ordine anche in questo periodo molto particolare.
La scorsa notte, per esempio, in viale Virgilio, a Taranto, ignoti hanno tentato di introdursi in una tabaccheria di un distributore di carburanti, dopo aver praticato un foro nel muro esterno. Per fortuna l’azione veniva interrotta dal sopraggiungere di una pattuglia di guardie private, allertata dal sistema di allarme: a quel punto, i banditi sono fuggiti senza portar via nulla. Le indagini sono condotte dai carabinieri di Taranto.
Carabinieri che hanno intensificato l’attività di prevenzione, repressione e vigilanza sul commercio e la detenzione illecita di fuochi pirotecnici, a una settimana dal Capodanno. Ieri mattina, una squadra del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Taranto, ha proceduto al controllo di un’attività commerciale ubicata nella zona industriale di San Giorgio Jonico. Durante i controlli, i militari, coadiuvati dai colleghi di San Giorgio J., rinvenivano all’interno di un capannone adibito a deposito ed adiacente all’esercizio commerciale, diversi scatoli contenenti vari giochi pirotecnici.
I successivi accertamenti, eseguiti con l’ausilio dell’artificiere della Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale, consentivano di accertare che il titolare, un 24enne incensurato di nazionalità cinese, con regolare permesso di soggiorno, deteneva senza la prescritta autorizzazione, rilasciata dalla Prefettura ai sensi dell’art. 47 del T.U.L.P.S., circa 400 Kg di materiale esplodente di vario tipo e marca tra cui “fontane, bengala ed i più comuni botti”.
Il materiale rinvenuto, repertato, veniva sottoposto a sequestro ed affidato in custodia giudiziale ad una ditta specializzata ed autorizzata alla detenzione di materiale esplodente, mentre il giovane veniva denunciato in stato di libertà per commercio abusivo e omessa denuncia di materiale esplodente.
Nel pomeriggio di ieri, sempre a San Giorgio, sulla via per Monteiasi, un 43enne intento a fare jogging veniva aggredito da due cani di grossa taglia. L’uomo riusciva a salire sul tetto della sua auto, in attesa del soccorso del 118; trasportato al ‘SS.Annunziata’ gli venivano riscontrate ferite lacero contuse alle mani e alla gambe, con 30 giorni di prognosi. I carabinieri indagano per individuare il proprietario dei due rottweiler.
Infine, i carabinieri di Manduria hanno arrestato, per inosservanza degli obblighi derivanti dalla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza con obbligo di soggiorno cui era sottoposto, Jonathan Cosimo D’Aggiano, 19enne, originario di Sava.
I militari, durante i consueti di controlli del territorio, insospettiti dai movimenti di una motoape, che alla loro vista tentava di allontanarsi in tutta fretta, decidevano di bloccarla e controllare gli occupanti. A bordo del mezzo, condotto da un 20enne di Sava, vi era D’Aggiano. Il giovane, che era alla guida del mezzo, è stato denunciato in stato di libertà per guida senza patente perché mai conseguita mentre il veicolo privo di assicurazione è stato sottoposto a sequestro amministrativo.

D’Aggiano, dichiarato in arresto per aver violato le prescrizioni imposte, in quanto si era allontanato senza alcuna autorizzazione dal Comune di Sava, al termine delle formalità di rito, veniva tradotto presso la Casa Circondariale di Taranto a disposizione del pm di turno, Lelio Festa.

Condividi:
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)