L’originale “Natale col boss”

 

pubblicato il 18 Dicembre 2015, 12:14
5 mins

Buffi colpi di scena e di pistola nel nuovo film “Natale col boss” prodotto da Aurelio e Luigi De Laurentiis, distribuito dalla Filmauro, in uscita questa sera in tutte le sale cinematografiche italiane.

Il regista Volfango De Biasi, come lo scorso anno, propone una pellicola natalizia diversa e divertente in quanto si tratta di una commedia d’azione che fonde umorismo a scene di natura poliziesca. Il film gioca con tante contaminazioni derivanti dalle commedie americane degli anni ‘80 e con citazioni di film come “Taxi Driver”, “Matrix” e della serie tv “Gomorra”. La piacevole e spassosa sceneggiatura è stata elaborata dal regista Volfango De Biasi, dagli attori Lillo e Greg, da Francesco Marioni e Tiziana Martini.

Il film è ambientato nella bellissima Napoli dove un potente boss (interpretato da Gaetano Amati), di cui nessuno conosce il volto, viene visto da due poliziotti (Paolo Ruffini e Francesco Mandelli) nel corso di un traffico di droga al porto. Il malavitoso, dopo esser scappato alla giustizia, decide di rifarsi la faccia e fa rapire due noti chirurghi plastici (interpretati da Lillo e Greg) che risiedono a Milano. Quest’ultimi non hanno scelta e con colpi di bisturi cambiano i connotati al boss che al termine dell’intervento è uguale a Peppino Di Capri, ovviamente ciò comporterà la nascita di simpatici equivoci snodati nell’intera sequenza in gag esilaranti e grandi risate in cui tutti personaggi cercheranno di riportare ordine nella propria vita prima che arrivi il giorno di Natale.

Numeroso e di qualità il cast degli attori: “Greg” Claudio Gregori, “Lillo” Pasquale Petrolo, Paolo Ruffini, Francesco Mandelli, Giulia Bevilacqua, Francesco di Leva, Enrico Guarneri, Franco Pennasilico, Gianfelice Imparato e Peppino Di Capri.

Il film “Natale col boss” è stato presentato ufficialmente lunedì scorso, 14 dicembre, a Napoli nel corso di una conferenza stampa tenutasi al Grand Hotel Vesuvio in cui erano presenti i produttori De Laurentiis, gli attori, il regista, Annalisa De Paola della “Adp Eventi” e il coordinatore della stampa per il sud Italia Alfonso Zambrano. E c’eravamo anche noi.

Aurelio De Laurentiis, nel corso dell’incontro, ha precisato: “Questo è il 32° film di Natale della Filmauro e siamo davvero soddisfatti del risultato finale. Un misto tra genere classico con lo scambio comico di personaggio e contaminazione della commedia americana. Qualcosa di nuovo che nelle pellicole di Natale non si era mai visto e pertanto abbandona i soliti temi (amore, sesso, corna) trattati abbondantemente negli anni precedenti e che ci eravamo stancanti di raccontare. Questo è un film che potrebbe essere tranquillamente un format da riprodurre in altri paesi del mondo, trovando uno scambio di cognomi tra due celebrità”.

Significante nel film la parte di Peppino Di Capri che interpreta se stesso e il boss dopo l’intervento chirurgico. Il noto cantante nel corso di un’intervista ci ha raccontato come ha deciso di far parte del cast e come ha costruito il suo personaggio: “Ho accettato subito la proposta di far parte del film. Aurelio, prima di una bella partita del Napoli calcio, mi ha detto che mi voleva parlare di una canzone nuova e invece quando ci siamo sentiti nei giorni successivi mi ha chiesto di far parte del cast. Per il mio personaggio mi sono ispirato ai boss dei film degli anni ’70, come De Niro, e ho fatto riferimento più che altro al mio immaginario di camorrista senza fare riferimenti”.

La scelta su Peppino Di Capri è avvenuta per il cognome poiché simile a quello di Leonardo Di Caprio, Lillo e Greg ci hanno raccontato come è nata l’idea: “Volevamo che tutto nascesse da un equivoco credibile tra i cognomi Di Capri e Di Caprio dovuto alla cadenza napoletana. Quindi un fraintendimento astuto ma fattibile e se Peppino non avesse accettato non avremmo potuto sviluppare il film come volevamo. Inoltre da anni volevamo fare qualcosa con lui e per fortuna ci siamo riusciti”.

Il tradizionale appuntamento natalizio, dunque, si rinnova anche quest’anno con un divertimento dedicato a tutti e con una formula che terrà gli spettatori inchiodati alla sedia per seguire le vicende intrecciate e spassose che termineranno con un finale davvero inaspettato e spiritoso.

  • Alessandra A. Ortuglio è una nostra cara amica e collega. Ci ha inviato il suo contributo per il corriereditaranto.it
Condividi:
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)