Idee di tarantini che brillano

 

pubblicato il 18 Novembre 2015, 11:10
2 mins

Fra i 29 progetti finalisti di Mimprendo 2015, l’incubatore di imprenditorialità che vede “al lavoro” gomito a gomito aziende e studenti, è risultata quella dell’azienda tarantina Asepa Energy l’idea vincente e quindi maggiormente innovativa: la giuria tecnica ha assegnato infatti il premio Mimprendo Italia Iccrea BancaImpresa 2015 di 10mila euro al progetto SolarFertigation, il fertirrigatore a energia solare fotovoltaica controllato da un software sviluppato dal team composto da Lucia Alemanno, Marco Apollonio e Sarah Quarta, studenti dell’Università del Salento (età 24-26 anni) sulla base dell’idea proposta dall’azienda tarantina Asepa Energy di Sergio Strazzella, vicepresidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Taranto.

A Padova, presente anche il presidente nazionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria Marco Gay, la competizione, che viaggia su proposte dal contenuto fortemente innovativo e tecnologicamente all’avanguardia, è stata molto sentita perché le varie proposte presentavano aspetti di grande interesse. Alla fine l’ha spuntata l’idea della “Asepa Energy” con “Solar Fertigation”, un’apparecchiatura che, alimentata con energia solare-fotovoltaica, permette la contemporanea fertilizzazione ed irrigazione dei terreni agricoli, graduando in maniera automatica, tramite un apposito software, la quantità di fertilizzante e di acqua necessari in base alle condizioni climatiche ed al tipo di coltura. Il sistema è stato sviluppato dai tre studenti su proposta dell’azienda di Strazzella, che ha sede in provincia di Taranto, specializzata nella produzione di pannelli solari ed impianti fotovoltaici. La seconda edizione di Mimprendo ha coinvolto quest’anno 7 regioni e 28 atenei. Ai tre studenti, premiati alla presenza dei docenti Giustina Secundo e Pasquale Del Vecchio, è andato l’assegno di 10mila euro previsto per il progetto vincitore.

Condividi:
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)