PRIMO PIANO

0 [post-views]view 35 secs
Corriere di Taranto
310 nuovi casi e tre decessi in provincia di Taranto.

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi sabato 6 marzo 2021 in Puglia, sono stati registrati 10.526 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 1.483 casi positivi:

  • 600 in provincia di Bari,
  • 78 in provincia di Brindisi,
  • 110 nella provincia BAT,
  • 208 in provincia di Foggia,
  • 170 in provincia di Lecce,
  • 310 in provincia di Taranto,
  • 4 casi di residenti fuori regione,
  • 3 casi di provincia di residenza non nota.

Sono stati registrati 15 decessi:

  • 9 in provincia di Bari,
  • 3 in provincia di Foggia,
  • 3 in provincia di Taranto.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 1.613.815 test.

115.362 sono i pazienti guariti.

34.853 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 154.302 così suddivisi:

  • 59.499 nella Provincia di Bari;
  • 16.159 nella Provincia di Bat;
  • 11.336 nella Provincia di…

IN EVIDENZA

Asl Taranto, sono 298 i ricoverati nelle strutture della provincia ionica
Corriere di Taranto

L’ASL Taranto comunica che, alle ore 14:00 del 6 marzo 2021:

Blitz dei Carabinieri: 16 arresti
Corriere di Taranto

Trae origine dalla “strage di Palagiano”, nella quale morirono Cosimo Orlando, la compagna Carla…

12 ottobre 2020

Posa prima pietra Ospedale ‘San Cataldo’

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha partecipato alla posa della prima pietra del costruendo nuovo ospedale ‘San Cataldo’. Il nostro giornale ha deciso di contare i giorni che occorreranno per la consegna della nuova struttura alla città.

POLITICA & PALAZZO

«Avendo appreso dello sciopero indetto dalle organizzazioni sindacali presenti all’interno dell’Amat per la fascia serale di lunedì 8 marzo il partito di Fratelli d’Italia intende innanzitutto rivolgere un sentito ringraziamento a tutti i lavoratori dell’azienda che hanno garantito con enorme sacrifico la continuità del servizio di trasporto pubblico urbano in quest’ultimo drammatico anno».
Desk / Mar 6

GREEN & JOB

«Puntare sulla manifattura di qualità è la giusta strada per la riqualificazione del tessuto economico del territorio. Prova ne è la presenza di due brand di Martina Franca sul palco di Sanremo: Rossorame e Petrelli Uomo. Alle due aziende va il plauso della Cgil Taranto e della Filctem Cgil Taranto, e il riconoscimento per il buon lavoro svolto». Così i segretari della CGIL e FILCTEM CGIL Taranto, Giovanni D’Arcangelo e Giordano Fumarola. «E’ proprio sul
Desk / Mar 6

FLASH CRONACA

I Falchi della Squadra Mobile di Taranto hanno denunciato un pregiudicato tarantino di 47 anni responsabile di furto ai danni di un’anziana signora. Nel corso di specifici servizi antiscippo ed antirapina in danno di persone anziane soprattutto nella zona del Mercato Fadini, i poliziotti, sulla scorta delle testimonianze raccolte in episodi precedenti, hanno individuato il responsabile in un uomo di età compresa tra 40 e 50 anni ed altezza di circa 1.70. Proprio nel corso
Desk / Mar 6

SPETTACOLI & CULTURA

Si chiama “Chiedimi scusa” il progetto teatrale che andrà in scena l’8 marzo dal palco del Teatro comunale Fusco. Un lavoro pensato e realizzato per questa occasione e nato dall’idea della compagnia teatrale G.C. Viola in collaborazione con One Billion Risisng, l’evento internazionale nato dalla mente della scrittrice americana
Desk / Mar 6

ALTRE NEWS

Polizia Locale, pronto bando per 60 nuovi agenti
Di
Tutto pronto per il concorso pubblico che arruolerà altre 60 unità nel corpo di Polizia Locale del Comune di Taranto.
PD Taranto: “Dopo dimissioni Zingaretti serve continuità”
Di
Data la particolare importanza di Taranto sul tavolo della politica nazionale, non potevano non arrivare anche in riva allo Ionio
Pulizia notturna, niente rimozione sino al 7 aprile
Di
Confermata la sospensione del divieto di sosta con rimozione coatta nelle zone interessate dalla pulizia notturna delle strade, effettuata da
Cor_Sport_logo
0 [post-views]view 3 mins
Corriere di Taranto
Vittoria netta (3-0) e primato (temporaneo) in classifica
0 [post-views]view 5 mins
Corriere di Taranto
La Prisma Taranto batte 3-0 i piemontesi che vengono scavalcati in classifica
GoodNews_logo
0 [post-views]view 8 mins
Corriere di Taranto
Il numero complessivo delle associazioni criminali scende, ma la Pandemia le ha rinvigorite perché hanno saputo sfruttare il malessere diffuso e generale. Strategie di contrasto? Mettere mano ai loro patrimoni e ricordare i vecchi slogan: “reagire”, “rompere il silenzio”, “testimoniare”

La mafia non è mai in emergenza, ma semmai la sfrutta a suo vantaggio. Il rapporto pubblicato dalla Dia (Direzione investigativa antimafia) sul primo semestre 2020 ha certificato che il Covid, abbastanza prevedibilmente, ha in qualche modo cambiato le mafie. E che le chiusure, le restrizioni, piccoli negozianti e ristoratori lasciati senza risarcimenti o con il “ristoro”, a causa di debiti, tasse, affitti e utenze da pagare, hanno generato situazioni drammatiche che hanno ingolosito la criminalità organizzata.

Eppure, nell’arco di dieci anni, le associazioni a delinquere e di stampo mafioso sono calate. Un fenomeno delicato e complesso, quello relativo alla criminalità organizzata. Lo stesso Istat afferma quanto sia difficoltoso svolgere analisi specifiche e dettagliate di approfondimento. Lo ha fatto però con l’indagine: “Delitti, imputati e vittime dei reati”, dove si registra, negli ultimi anni, un calo significativo di quelle associazioni riconosciute come stabili e che operano secondo uno schema gerarchico nel perseguire un obiettivo comune. In base agli ultimi dati, infatti, le associazioni a delinquere e di stampo mafioso sono passate da 128 nel 2010 a 93 nel 2018.

Cor_RUBRICA_Terzo_Paesaggio_logo-1100x158
0 [post-views]view 3 mins
Corriere di Taranto
Frammenti di chiacchiere, discorsi, vite

Mattina. Un giorno qualunque. Vicino al mercato.

“Signoraaaa, senza mascherina non si può entrare!!! Ma come ve lo dobbiamo dire?”. Tre, le persone in tutto, compresa la commessa della panetteria, la guardano, come se di colpo avesse portato una ventata…

fuoridalcoro_postit2

La Puglia resta in “giallo”. Ma anche Taranto è a rischio di essere trasformata in “arancione”. Colpa della movida di questo anticipo di primavera, che ha portato i più giovani ad impossessarsi di quegli spazi che, la didattica a distanza nega loro da circa un anno. Dunque è persino giusto che qualche sindaco assuma provvedimenti più restrittivi, specie nei fine settimana. Chi come noi ha sottolineato che abbiamo sottratto ai ragazzi dei pezzi di lezioni di vita con la chiusura delle scuole, non può non annotare che i genitori oggi hanno un compito ed un ruolo determinante, per uscire più rapidamente dalla pandemia. I teenager non hanno contezza di quello che ci sta accadendo. Ma i genitori dovrebbero averla. Anche perché chi di loro aveva abdicato alla scuola il compito di educare i loro figli, devono assumersi le loro responsabilità. Gli insegnanti che hanno fatto le loro veci sono a casa. E da lì si ha meno autorità, ma soprattutto meno autorevolezza.

 monty

La Redazione

Marcello Di Noi

Francesco Riondino

Maddalena Orlando

Giovanni Saracino

Gianmario Leone

Alessandro Greco

Franco Guarino

Angelo Diofano