• 12:54  
    Attualità

    “Mar Piccolo: più fondi per le bonifiche”

  • 12:05  
    Spettacoli

    “Volevo essere Amy Winehouse” domani al TaTÀ

  • 10:59  
    Cultura

    Presenza Lucana: appuntamento con “Il teatro a Taranto”

  • 13:27  
    Economia e lavoro

    Stipendi a rischio. Fp Cgil si rivolge all’Asl

  • 10:48  
    Attualità

    “Inerzia del Comune. È tempo di dimissioni”

  • 12:21  
    Sport

    Cus-Virtus: un legame che si rafforza

  • 11:23  
    Cronaca

    Pistola e proiettili in auto, arrestato 56enne

  • 11:01  
    Cronaca

    Montemesola, armato rapina una farmacia

  • 13:28  
    Cultura

    Il filosofo Bauman non sarà a Taranto

  • 12:04  
    Spettacoli

    “Tamburi”: si parla di sport su JoTv

Ultimissime notizie
Attualità
Registro regionale dell’endometriosi: la battaglia di Taranto lider

Promossa anche una petizione on line

Il comitato Taranto lider, coadiuvato dall’Ordine dei Medici di Taranto e dall’Isde – Associazione Medici per l’ambiente -  ha formulato richiesta al governo regionale affinché una legge introduca in Puglia il Registro dell’endometriosi, alla luce dell’elevato rischio ambientale e sanitario presente sul territorio.

Tale registro permetterebbe, attraverso la raccolta e l’analisi dei dati clinici e sociali legati alla malattia, la pianificazione di strategie di prevenzione e di tutela dei diritti delle donne che convivono con la patologia.
A tal proposito, in sede di conferenza, il Comitato ha ricordato la situazione di stallo che si riscontra nell’aggiornamento delle tabelle INPS: se nel 2012 l’endometriosi è stata riconosciuta come causa di invalidità civile, si attende ancora che il decreto che prevede tale modifica venga firmato.

Intanto per rafforzare la richiesta dell’istituzione del Registro regionale, Taranto lider, che a Gennaio ha depositato in Procura un esposto denucia per l’accertamento di un nesso fra emissioni di sostanze inquinanti e il danno biologico subìto dalle donne affette di endometriosi e infertilità nel territorio tarantino,  ha promosso una petizione on line che in poche ore ha già raccolto moltissime adesioni.

di Serena Miccoli

Vuoi rimanere sempre informato sulle notizie di Attualità ? Iscriviti GRATUITAMENTE alla newsletter di Corriere di Taranto per non perdere nemmeno un articolo