CONDIVIDI
TOP AD

Con il cambio di assessori in corso nella Giunta comunale di Taranto, la preoccupazione maggiore è quella che non si perda tempo nel completamento degli iter che porteranno alla realizzazione delle grandi opere-segno, tanto attese dalla città. Una di queste riguarda il completamento del Palazzo degli Uffici, fra piazza della Vittoria e piazza Archita, da troppo tempo ingabbiato dalle impalcature. In tal ambito è stato notevole il lavoro portato avanti dall’ex assessore ai Lavori pubblici Aurelio Di Paola per far ripartire i lavori, iniziando dalla chiusura dei contenziosi in atto con le Opere Pie. Attualmente si è attesa dell’arrivo dell’offerta da parte dell’Invimit che in una recente visita ha manifestato interesse per tale pregevole momento cittadino, dalle grandi potenzialità. Se ne saprà maggiormente, secondo quanto riferito nel corso del sopralluogo dai responsabili dell’ente, entro fine mese. Contemporaneamente erano in corso i contatti tra l’ex assessore all’Urbanistica Sergio Scarcia e i responsabili del liceo ‘Archita’, che appunto aveva sede nel Palazzo degli Uffici, per una riduzione degli spazi che dovranno essere utilizzati dalla scuola. Infine era in fase di ultimazione la preparazione del bando per l’assegnazione dei lavori per la copertura definitiva dell’edificio, tale da metterlo al riparo dalle conseguenze delle piogge, che appunto ne metterebbero a rischio la stabilità.

Tutto questo sarà nelle competenze del nuovo assessore che verrà nominato dal sindaco Melucci, con la speranza che il grandioso edificio possa essere restituito quanto prima alla città.

CONDIVIDI

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO