Ilva, Fiom: “Atteggiamento poco trasparente dalla gestione commissariale”

Posted on giugno 13, 2018, 3:57 pm
2 mins

La denuncia della Fiom Cgil: «L’organico dell’amministrazione straordinaria, pare, sia passato, da 13.700 a 14.015 dipendenti, nonostante in questi mesi molti lavoratori sono usciti volontariamente»

«La gestione commissariale» dell’Ilva «continua ad avere un atteggiamento poco trasparente anche in merito al numero di dipendenti che continua inspiegabilmente a salire» Lo afferma la Fiom in una nota denunciando che «l’organico dell’amministrazione straordinaria, pare, sia passato, da 13.700 a 14.015 dipendenti, nonostante in questi mesi molti lavoratori sono usciti volontariamente» e «a differenza di quanto previsto dalla procedura ex art.47». «La vertenza Ilva è in una fase complicatissima» dice la Fiom che attende ancora la convocazione del neo Ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio. «È del tutto incomprensibile – attacca Fiom – che la gestione commissariale, di fronte ad una situazione di completo stallo in cui si trova la trattativa sindacale a causa della mancata garanzia sul mantenimento degli attuali livelli occupazionali, continui ad assumere dirigenti». «Il Mise – conclude Fiom – deve fare chiarezza e assumere tutte le decisioni conseguenziali su quanto sta accadendo a Ilva in una fase delicata che prelude alla vendita ad Arcelor Mittal. Per questo, il Ministro dello Sviluppo «deve necessariamente fare chiarezza e assumere tutte le decisioni conseguenziali su quanto sta accadendo all’Ilva in una fase delicata che prelude alla vendita ad Arcelor Mittal», prosegue il sindacato che ribadisce come al centro del braccio di ferro con Mittal che ancora impedisce di arrivare ad un’intesa ci sia il piano industriale che è «strettamente legato alla salvaguardia occupazionale, compresi i salari e i diritti, di tutti lavoratori attualmente impiegati, oltre a quelli dell’appalto; il risanamento ambientale e la bonifica dello stabilimento di Taranto; e l’accordo di programma di Genova».

Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)