CONDIVIDI
TOP AD

Il sindaco Rinaldo Melucci ha fatto visita alla moschea di via Cavallotti, accolto dall’imam Hissen Chiba e da una folta rappresentanza di immigrati. La notizia ha preso a circolare sul sito della cooperativa sociale “Costruiamo Insieme”.

“Ritengo doverosa la visita per ribadire l’impegno dell’amministrazione comunale verso questi nostri amici, concittadini a tutti gli effetti, al pari degli altri tarantini” – ha dichiarato Melucci, che si è intrattenuto con i “padroni di casa” accovacciato e senza scarpe sul tappeto, così come tradizione vuole. Durante il cordiale colloquio, il sindaco si è informato sui percorsi di inserimento nel nostro tessuto sociale, invitando a collaborare
per la crescita del territorio, mettendo a frutto ogni esperienza professionale (anche semplicemente insegnando la loro lingua) e nel rispetto reciproco delle rispettive
regole e modi di vivere. “Sono convinto che si possa dar luogo a una serena ed
esemplare convivenza – ha continuato – Vorrei vedere attenuarsi, fino a scomparire, ogni diffidenza riguardo alla differenza di fede religiosa e colore della pelle. E chissà che prima o poi questi nostri amici vengano ad affollare le gradinate dello Iacovone per tifare insieme rossoblu”.

L’imam Hissen Chiba ha chiesto all’amministrazione comunale di aiutare la comunità islamica a reperire locali più ampi e adeguati per adibirli a moschea. Rinaldo Meluccci si è mostrato d’accordo, evidenziando però la necessità di tempi e risorse per un progetto fattibile. L’impegno, ha ribadito, è già nella sua agenda, ma è necessario prima chiudere l’annosa vicenda relativa al dissesto e le grandi vertenze industriali. Il sindaco non ha infine escluso che fino al termine del percorso amministrativo possa essere nominato un
assessore con passaporto non italiano.

CONDIVIDI

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO