redazioneonline

Corriere di Taranto

Postato il 16 aprile 2018, 10:32 am
6 mins

Crescono arrivi e presenze. E sono ottimi i numeri anche del ‘porta a porta’

L’agenzia regionale Puglia Promozione ha pubblicato, nei giorni scorsi, i dati delle presenze turistiche registrate nel 2017: per il secondo anno consecutivo i numeri della provincia di Taranto sono in crescita e Castellaneta si conferma la meta preferita dell’arco ionico, con poco più di 354mila presenze e un soggiorno medio di 5,7 giorni *.

Un successo determinato in particolare dal mare e dalla grande offerta di posti letto, tra villaggi e alberghi della costa.
«Un risultato positivo per il nostro territorio – il commento del
sindaco di Castellaneta Giovanni Gugliotti, in una nota di Palazzo municipale – che, dai primi segnali sulle prenotazioni 2018, sarà confermato anche quest’anno. La bellezza della nostra natura ci avvantaggia, certo, ma se mesi fa non avessimo lottato per conservare le nostre potenzialità ricettive, accordandoci con il gruppo ‘Nuova Concordia’ e aprendo di fatto le porte all’investimento ‘Blu Serena’, oggi non avremmo avuto posti letto da occupare. Con gli alberghi aperti e pronti a rilanciare, creando anche occupazione, possiamo dire che il gioco di squadra ha vinto ancora a Castellaneta: amministrazione e operatori turistici, insieme, stanno favorendo gli investimenti, migliorando l’offerta e ampliando i servizi».

Contestualmente all’operazione ‘Blu Serena’, infatti, sono partite altre scommesse importanti, come quelle del ‘Gruppo Simone’ con il Blanco Hotel o di ‘Meriva Group’ con il Villaggio del Catalano, solo per citare le più significative in termini di ricettività. Ma anche l’intero tessuto commerciale della zona costiera sta vivendo un… rinascimento: molti lidi si stanno ristrutturando, altri lo hanno già fatto, e il lungomare sta tornando a essere cuore pulsante di Castellaneta Marina.

«Il lavoro da fare nel turismo è ancora tanto – dichiara Roberto
Tanzarella, consigliere comunale con delega al Turismo –, come tante sono ancora le potenzialità inespresse, ma la strada è segnata e tutti sono chiamati a mettere in campo il proprio impegno. Negli ultimi mesi abbiamo lavorato anche sul fronte dell’accoglienza, della rete con gli operatori e della promozione: sono stati potenziati gli uffici turistici di Castellaneta e Castellaneta Marina, abbiamo partecipato a diverse fiere internazionali, abbiamo ospitato un press tour focalizzato sui
riti della Settimana Santa, favorendo in particolare anche la scoperta del borgo e delle aree interne con il coinvolgimento di associazioni e aziende del territorio».
Con gli operatori turistici, infine, il Comune sta intrattenendo contatti costanti con lo scopo di condividere esperienze e recepire feedback. Proprio grazie a un accordo fra gli infopoint e le strutture alberghiere, infatti, saranno promosse all’interno delle strutture ricettive di Castellaneta Marina visite guidate al borgo e alle aree naturali, con l’obiettivo di costruire un ponte turistico tra la costa e le aree interne del territorio. «Vogliamo valorizzare la nostra grande bellezza – ha concluso Gugliotti –, il paesaggio mozzafiato delle gravine, il patrimonio culturale del centro storico e i prodotti tipici. Li abbiamo sempre avuti a portata di mano, è arrivato il momento di mostrarli orgogliosamente».

dati flussi turistici

* Fonte Puglia Promozione https://www.agenziapugliapromozione.it/portal/documents/10180/3025870/Report%20dati%20comunali%202017

Ma c’è anche un altro motivo per essere orgogliosi a Castellaneta. Infatti, si parla anche di ottimi risultati della raccolta differenziata. Il nuovo sistema della raccolta “porta a porta” registra a marzo il record del 74,61%, risultato che proietta la città di Valentino fra i comuni più virtuosi della Puglia.


Il nuovo sistema, partito lo scorso anno prima nel centro storico e attività commerciali, poi esteso gradualmente a Castellaneta Marina ed ai quartieri del centro abitato, si sta rivelando un vero toccasana, non solo per l’ambiente, ma anche per le casse comunali. Infatti, il notevole calo dei conferimenti in discarica, passati dalle 1.819 tonnellate del primo trimestre 2017 alle attuali 794, ha già generato un risparmio di circa 70.000 euro sui costi del servizio. Dati certificati dall’Osservatorio Rifiuti della Regione Puglia, che consentono a Castellaneta di centrare la premialità prevista dalla nuova legge regionale (L.r. 27 marzo 2018, n. 8) per l’Ecotassa, il tributo regionale da versare per il deposito in discarica dei rifiuti. Infatti, è stato superato l’obiettivo del 65% da raggiungere nel mese di marzo 2018: di conseguenza sarà applicata l’Ecotassa alla tariffa minima di € 5,17/ton per il 2018, un ulteriore risparmio rispetto a quella applicata nel 2017 di € 7,50/ton.
«I numeri dell’Osservatorio Regionale confermano che la strategia ambientale messa in campo dall’Amministrazione comunale è quella giusta – commenta il sindaco Giovanni Gugliotti – con notevoli benefici sul piano ambientale e sul piano della convenienza economica. Ora l’impegno è rivolto a conservare questo trend positivo anche per i prossimi mesi, per mantenere alta la sensibilità ambientale e del corretto conferimento dei rifiuti, e per poter programmare la riduzione delle tariffe Ta.Ri.».

redazioneonline

Corriere di Taranto

Per comunicati stampa o proposte [email protected]