Redazione

Corriere di Taranto

Postato il 12 gennaio 2018, 18:57 pm
51 secs

Rilevo positivamente la mobilitazione di numerosi Comuni della provincia, compreso quello di Taranto, alla manifestazione in favore del diniego all’ampliamento della discarica di Grottaglie. La comunione di intenti in difesa del territorio e dell’ambiente è la strada da percorrere per ottenere finalmente la giusta attenzione“: lo scrive l’arcivescovo di Taranto, Filippo Santoro, riferendosi all’iniziativa di mobilitazione che si terrà domani a Grottaglie, a cui aderiscono tredici Comuni, associazioni, comitati ambientalisti, movimenti e liberi cittadini. I manifestanti dicono no alle richieste presentate dalla Società LGH Linea Ambiente Spa finalizzate all’ottenimento dell’ampliamento dei volumi utilizzabili presso la discarica di località «La Torre Caprarica» (ex Ecolevante) di Grottaglie.

Sono al fianco di chi – aggiunge mons. Santoro – ha a cuore la salute dei cittadini e dell’ambiente nel solco di quanto indicatoci da Papa Francesco nella Laudato sì. Il nostro territorio, già così gravemente compromesso, non può sopportare ulteriori carichi e bene fanno, sindaci e cittadini, a far sentire la loro voce“. I manifestanti chiedono al presidente della Provincia di Taranto di tenere in considerazione la “volontà – ha spiegato il sindaco di Grottaglie Ciro D’Alò – dei cittadini e ufficializzare, con l’atto definitivo di diniego, un primo impegno verso la tutela del territorio jonico già fortemente gravato da siti inquinanti“.

(leggi tutti gli articoli sulla discarica di Grottaglie http://www.corriereditaranto.it/?s=discarica+grottaglie)

Redazione

Corriere di Taranto

Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)