CONDIVIDI
TOP AD

Attesa per la delibera d’indirizzo alla quale stanno lavorando gli assessorati regionali ai Trasporti ed allo Sviluppo Economico per l’istituzione di un Tavolo tecnico permanente a Grottaglie che affianchi la società Aeroporti di Puglia e che si occupi della riattivazione dei voli passeggeri di linea dallo scalo dell’aeroporto di Taranto-Grottaglie

«Attendiamo fiduciosi la delibera di Giunta regionale per l’istituzione del tavolo tecnico anticipata dall’assessore Mazzarano la settimana scorsa a Bari davanti ai rappresentanti dei Comitati pro aeroporto di Taranto-Grottaglie». Lo dichiara il consigliere regionale Mino Borraccino, auspicandosi che si possa passare, a breve, “dalla teoria alla pratica“. Dopo aver incassato la certificazione di sicurezza e qualità rilasciata dall’Enac (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile), certificato, consegnato ieri al presidente di AdP, Tiziano Onesti, da Roberto Vergari, direttore Centrale Vigilanza Tecnica di ENAC, l’aeroporto Marcello Arlotta di Taranto-Grottaglie, al pari degli aeroporti di Bari e Brindisi, è abilitato al’uso come scalo aeroportuale per voli passeggeri di linea.

La certificazione in questione è valida per l’anno in corso e, ai sensi del Regolamento Europeo 139/2014,  attesta la rispondenza delle procedure operative, degli impianti e delle infrastrutture aeroportuali degli scali ai requisiti previsti dalle norme comunitarie propedeutiche per il loro utilizzo come scali civili (per approfondimenti, leggi qui).

Si attendono le mosse della controparte politica che potrebbe definitivamente sbloccare la vicenda dalla situazione di impasse in cui versa da circa un decennio. A tal proposito, l’assessore allo Sviluppo Economico, Michele Mazzarano, ha recentemente ufficializzato la volontà della Giunta regionale di procedere all’approvazione di una delibera d’indirizzo finalizzata all’istituzione di un tavolo tecnico permanente che si interfacci con la società Aeroporti di Puglia per vagliare le eventuali possibilità di un rilancio dello scalo aeroportuale ionico, aprendolo ai voli passeggeri di linea. Il tavolo tecnico permanente si è già insediato lo scorso 7 ottobre, siglando il “Manifesto di insediamento del tavolo tecnico della provincia di Taranto per la ri-attivazione dei voli passeggeri di linea dall’aeroporto “M. Arlotta” di Taranto-Grottaglie”.

Tutto quanto premesso, però, non pottrà concretizzarsi se la componente politica non convergerà nell’auspicata direzione. Come già specificato in precedenza, l’esecutività di una “delibera d’indirizzo” non sarebbe vincolante per la società Aeroporti di Puglia ai fini della riattivazione dello scalo ionico ma, certamente, cristallizzerebbe la volontà politica della Giunta in merito alla riattivazione dei voli presso l’aeroporto Arlotta. Sull’argomento si è espresso anche il consigliere regionale nonché presidente della II Commissione consiliare regionale, Mino Borraccino. Quest’ultimo, fra i fautori della riattivazione dell’aeroporto ed essendosi già in passato impegnato raccogliendo le istanze dei Comitati pro aeroporto di Taranto-Grottaglie, sottolinea, nella sua nota stampa, l’importanza insita nella riattivazione dell’aeroporto per l’intera economia dell’arco ionico. «L’implementazione delle attività dell’aeroporto di Taranto-Grottaglie, estesa anche ai voli civili – specifica Borraccino – è una questione molto importante per lo sviluppo del nostro territorio in questo momento. Ci aspettiamo serietà e rispetto sulle osservazioni che sono state sollevate sin ora e sulle posizioni pubbliche prese dal Presidente Emiliano».

Lo stesso governatore si è più volte espresso, in contesti pubblici, in favore della riattivazione dei voli civili nello scalo aeroportuale ionico. «Senza creare guerre tra campanili, riteniamo Grottaglie una sede strategica per il traffico aereo di tutto il centro-sud d’Italia – precisa Borraccino – tale da poter avere una considerevole attività di mobilità passeggeri a servizio di tutto l’arco ionico lucano-calabrese, al quale si aggiungerebbe il traffico intercontinentale, poiché sarebbe l’unico aeroporto a sud di Roma-Fiumicino a poter fare atterrare voli dagli altri continenti. Ora ci aspettiamo che l’impegno dell’ istituzione del tavolo tecnico sia mantenuto, celermente – aggiunge – poiché darebbe forza al progetto e permetterebbe di concertare tecnici, associazioni,istituzioni, verso l’ottimale valutazione del bando per il vettore da ingaggiare per Taranto».

Il consigliere regionale Borraccino aggiunge successivamente che servirebbero ulteriori finanziamenti, da parte dell’Ente Regione, necessari per l’ammodernamento della pista di Grottaglie, assegnando così ulteriori risorse a quelle che ha già destinato l’Enac, 10 milioni di euro.

Quanto alle cifre preventivabili per l’ammodernamento dello scalo ionico, Borraccino precisa che «si rendono necessari infatti ulteriori finanziamenti per l’ammodernamento dell’ aeroporto, parliamo di 15 milioni di euro, che sarebbe un decoroso investimento per una pista di interesse nazionale, che ha ricevuto anche la certificazione di sicurezza e qualità da parte dell’Enac in base alle nuove normative europee».

Tutto quanto premesso, bisogna passare, a giudizio di Borraccino, “dalla teoria alla prassi! Aspettiamo da due anni tutto ciò“.

Borraccino ringrazia nfine tutti coloro i quali si sono battuti e continuano a farlo per la riattivazione dell’aeroporto Arlotta, “per la tenacia, confortata dalla forte convinzione, tutti i componenti delle associazioni, dei comitati, e gli uomini di cultura locali, come il preside Salvatore Marzo (dirigente sclastico del Liceo Aristosseno, nds), il professore Nicola Bruni (della sezione Economia del Dipartimento Jonico dell’Università di Bari, nds) impegnati in primissima persona sul fronte della lotta per l’attivazione dei voli civili da e per Grottaglie, ed il richiamo sulla stampa del preside Paolo De Stefano (ex preside Liceo Quinto Ennio di Taranto, nds), uomo di cultura della provincia jonica che sostiene da tempo – conclude la nota di Borraccino – questa causa in favore della crescita del territorio».

CONDIVIDI
Emanuele Spataro
"Nothing is real and nothing to get hung"...

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO