CONDIVIDI
Foto Max Perrini
TOP AD

Circa 300 i ciclisti che domenica sono stati ospitati per la gara ‘Gran Fondo dei Due Mari‘ dai padroni di casa MTB Taranto Bikers che, tra tensione ed entusiasmo, e soprattutto tanti mesi di lavoro, hanno potuto festeggiare il grande successo della manifestazione.

Partenza ad orario come previsto, 9.30 puntuali, dopo aver ricevuto la benedizione da don Mimmo parroco a Paolo VI. La gara faceva parte di un circuito UISP, mentre il percorso è stato sorvegliato in ogni punto con il supporto della Protezione Civile.

Foto Max Perrini

Hanno dominato e per così dire “volato” nel percorso per la categoria Uomini, Assoluti: 1° Mucciaccia Vito TEAM EUROBIKE (il vincitore) di Corato, 2° Notarangelo Graziano NGR BIKE di Monopoli, 3° Semeraro Pasquale NGR BIKE di Monopoli; Assoluti Uisp : 1° Cofano Augusto Cilistica Venorile, 2° Marra Marra Eugenio Palagiano, 3° Convertino Nicola Città degli imperiali Francavilla Fontana, tra le donne: Assoluti ; 1° Tropiano Patrizia Rionero il Velocifero di Rionero in Vulture, 2° Bitetti Patrizia Team Murgia bike di Santeramo e 3° Pulito Rosa team mugia bike di Santeramo, tutti orgogliosi ed entusiasti della scelta del percorso.

Foto Max Perrini

Come ha dichiarato Giuseppe Murciano, presidente della MTB Taranto Bikers: «E’ stato un vero onore per noi poter essere i padroni di casa, poter rappresentare la nostra città davanti a centinaia di persone, ricevere i complimenti per il percorso scelto, per il territorio e per i panorami di cui gli atleti hanno potuto godere. Questo ci rende orgogliosi di appartenere a questa terra magica e di poterla rappresentare. Da parte nostra l’impegno di promuoverla e di mantenerla nel decoro che merita e di segnalare alle istituzioni ogni abuso ed uso improprio, in modo che ci diano costantemente sostegno per poter raggiungere l’obiettivo di vedere turismo ecologico nei nostri territori. Adesso… iniziamo a lavorare per la terza edizione!».

CONDIVIDI
redazioneonline
Per comunicati stampa o proposte redazione@corriereditaranto.it

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO