CONDIVIDI
TOP AD

Stanno pervenendo molte lamentele in redazione per la situazione in Villa Peripato, antica oasi di pace dei tarantini e ora precipitata nell’abbandono, tanto da necessitare di una profonda rivitalizzazione. È un altro impegno che attende la nuova giunta comunale e che si spera venga affrontato a breve termine, a partire dalla riapertura del chiosco-bar La Pagoda, chiuso da mesi, che assicurerebbe (oltre al necessario servizio di ristoro) una pur minima animazione dell’area attigua all’ingresso di via Mignogna, e dei bagni pubblici, attualmente inagibili, vicino alla cancellata di piazza Kennedy.

Un ulteriore inconveniente viene segnalato dalla signora Eliana Giordano. Alcune foto da lei scattate e qui pubblicate documentano la maleducazione di alcuni tarantini che, portando a passeggio i propri cani, lasciano che questi imbrattino con le loro deiezioni aiuole e vialetti, senza minimamente preoccuparsi di ripulire. Purtroppo, fa notare la nostra lettrice, si sta abusando della pur lodevole concessione di portare gli animali domestici a spasso per i giardini pubblici, dimostrando ancora una volta quanto sia difficile per alcuni rispettare il bene comune, per la totale mancanza di senso civico. Di conseguenza non pochi angoli della Peripato, a causa del malvezzo, si stanno rapidamente trasformando in letamai, similmente al resto della città, già profondamente degradata. Sarebbe possibile modificare tali comportamenti soltanto cogliendo sul fatto e sanzionando i trasgressori, impresa praticamente impossibile a causa della notevole carenza di vigili urbani. Oppure, relativamente a villa Peripato, si dovrebbe vietare del tutto l’accesso ai cani, con o senza guinzaglio. Questo drastico provvedimento restituirebbe un minimo di decoro a uno dei pochi spazi verdi di cui la città dispone. Verrebbero però penalizzati (conclude la signora Giordano) anche quei cittadini che responsabilmente si attengono alle regole. È proprio necessario arrivare a queste drastiche contromisure?

CONDIVIDI

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO