CONDIVIDI

Oggi il via libera del Cda di AMIU S.p.A., parola al socio unico (Comune di Taranto) che lo discuterà in assemblea

Approvato quest’oggi il bilancio relativo all’esercizio 2016 dell’azienda partecipata del Comune di Taranto “AMIU S.p.A“, specializzata nel settore dei servizi pubblici locali, ed in particolare in quello della gestione del ciclo dei rifiuti. Lo rende noto la stessa azienda, che comunica un “utile di 763mila euro“. Un bilancio che, «al netto di imposte e oneri finanziari, è uno tra i dati più significativi del progetto di bilancio relativo all’esercizio 2016, approvato oggi dal Consiglio d’Amministrazione di “AMIU S.p.A. Taranto” presieduto dal dottor Carmine Pisano».

«Si tratta del terzo risultato positivo, e consecutivo – prosegue la nota stampa di AMIU –ottenuto dalla società partecipata del Comune di Taranto, sintomo inequivocabile di una gestione che sta mirando al risanamento e alla razionalizzazione dei conti. Un margine operativo lordo pari a più di 2,5 milioni di euro, infatti, descrive un’azienda che dal punto di vista gestionale valorizza le risorse e che, in tal modo, ha perseguito l’obiettivo di ridurre sensibilmente la massa debitoria».

«Solo nel 2016, per intenderci, sono stati abbattuti quasi 8 milioni di euro di debiti » precisa il comunicato di AMIU. Persiste però la massa debitoria dell’azienda nonostante il trend che lo vede in progressivo calo, “riducendone il saldo a poco più di 29 milioni: un dato rilevante, considerando un’esposizione che nel 2007 superava i 55 milioni di euro“.

«Confermando questo trend virtuoso, AMIU S.p.A. Taranto continua lungo il difficile ma irrinunciabile percorso del risanamento, avviato anche grazie alla ricapitalizzazione voluta dal Comune di Taranto. Cui ora toccherà discutere il progetto di bilancio appena approvato – conclude la nota stampa – attraverso la convocazione di un’apposita assemblea ordinaria dei soci».

CONDIVIDI
redazioneonline
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO